Uccise il sindaco di Cardano, ergastolo per Pegoraro

Fine pena mai per Giuseppe Pegoraro, l'ex-vigile urbano che il 2 luglio del 2013 fece irruzione nell'ufficio della sindaca Laura Prati sparando all'impazzata e colpendo lei e il suo vice Iametti. La Prati morì dopo tre settimane in ospedale

E’ stato condannato all’ergastolo Giuseppe Pegoraro per l’omicidio volontario del sindaco di Cardano al Campo Laura Prati e per il tentato omicidio del vice Costantino Iametti nell’agguato al Comune di Cardano al Campo avvenuto il 2 luglio del 2013. Il giudice per l’udienza preliminare Giuseppe Limongelli ha messo un primo punto fermo su uno dei fatti di sangue più cruenti e inquietanti mai accaduti in provincia di Varese. Per l’ex-vigile di Cardano al Campo, dunque, è stata comminata la pena più pesante con la conferma della volontarietà dell’azione omicida e del nesso causale tra gli spari che la ferirono gravemente e l’aneurisma cerebrale che, tre settimane dopo, portò la sindaca cardanese alla morte. L’uomo è stato assolto per i due tentati omicidi nei confronti dei poliziotti ai quali sparò mentre cercava di sfuggire alla cattura.

Galleria fotografica

Sparatoria di Cardano, le prime immagini 4 di 9

Al momento della lettura della sentenza i familiari della Prati non hanno trattenuto la loro soddisfazione ed è scattato anche un applauso, immediatamente bloccato dal giudice che ha poi proseguito nella lettura del dispositivo. Come detto, Pegoraro è stato ritenuto responsabile di tutti i reati ascritti tranne del doppio tentato omicidio degli agenti per i quali il giudice ha ritenuto che il fatto non sussiste. Inoltre Limongelli ha predisposto i risarcimenti economici per tutte le parti civili costituite. «Questa sentenza rende giustizia ma non riporterà mia madre in vita» – ha commentato Massimo Poliseno, figlio di Laura. Il marito di Laura, Giuseppe Poliseno, ha commentato facendo un parallelo con i fatti avvenuti al tribunale di Milano qualche giorno fa: «Questa sentenza è un segnale anche per quanto è avvenuto al tribunale di Milano». Infine il commento di Costantino Iametti che con Laura ha condiviso quei momenti di terrore, quando Pegoraro fece irruzione armato nell’ufficio del primo cittadino: «Laura era una donna straordinaria, lei doveva essere qui tra noi» – ha detto con voce commossa l’ex-vicesindaco.

di orlando.mastrillo@varesenews.it
Pubblicato il 14 aprile 2015
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Sparatoria di Cardano, le prime immagini 4 di 9

Galleria fotografica

Cardano, bossoli per terra dopo la sparatoria 4 di 4

Galleria fotografica

Sparatoria di Cardano, i soccorsi 4 di 6

Galleria fotografica

Cardano al Campo dopo la sparatoria 4 di 12

Galleria fotografica

Ergastolo per Pegoraro, la felicità dei familiari di Laura Prati 3 di 3

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore