Treno fuori dai binari a Luino, indagato il macchinista

È accaduto nella serata di sabato 2 maggio, sul lato verso Cadenazzo.

svio deragliamento tilo luino

Un treno Italia-Svizzera della società TiLo è uscito dai binari alla stazione di Luino, nella serata di sabato 2 maggio. La Procura di Varese ha aperto un’inchiesta, è indagato il macchinista alla guida del convoglio.

Il treno 30-25352 delle 21.18 stava uscendo dalla stazione, in direzione Cadenazzo (tratta Rete Ferroviaria Italiana, ma con gestione del traffico FFS), è uscito dai binari sugli scambi all’estremità Nord della stazione. Tecnicamente non si tratta di un deragliamento, ma di uno “svio” (uscita dai binari senza ribaltamento).

Non risultano interventi del 118 nè dei vigili del fuoco. La foto è stata inviata da un lettore e mostra il treno ancora illuminato, ai margini della stazione di Luino.

RFI informa che il treno fermo non ha causato limitazioni al traffico ferroviario, nè a quello passeggeri verso Cadenazzo (FFS) nè al sostenuto traffico merci (la Cadenazzo-Luino-Gallarate/Novara fa parte dell’asse che collega il porto di Rotterdam con quello di Genova). Le operazioni di recupero si sono concluse nella giornata di domenica: nella foto il treno soccorso in rientro a Milano, fotografato a Gallarate nella mattina di lunedì 4 maggio.

di roberto.morandi@varesenews.it
Pubblicato il 04 maggio 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore