Atti sessuali e corruzione di minori, in manette un 50enne

Arrestato il responsabile di alcuni canili e strutture per animali della provincia di Varese: attirava le sue vittime con regali costosi per poi costringerle ad avere rapporti sessuali

immagini abusi

Atti sessuali con minorenni, corruzione di minori e pornografia minorile. Sono queste le accuse a carico di un 52enne originario di Limbiate, ma residente a Varese da anni. Gli agenti della Squadra Mobile della Polizia di Stato di Varese lo hanno arrestato nella giornata di lunedì 6 luglio a Malpensa, di ritorno da un viaggio in Tunisia.

Le indagini sono partite da alcune voci, poi verificate con un’articolata attività di indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Milano. L’uomo, è accusato di essersi reso responsabile di “atti sessuali con minorenni”, “corruzione di minore” ai danni di giovani tra i 14 e i 17 anni, ragazzini che frequentavano i canili e gattili di cui l’uomo è referente o responsabile in provincia di Varese. Per lui c’è anche l’accusa di “pornografia minorile”.

Le indagini hanno ricostruito il “modus operandi” del 52enne: conquistata la fiducia dei genitori, nel corso della sua attività di volontariato si intratteneva con gli adolescenti fino a compiere veri e propri atti sessuali di vario tipo anche con l’utilizzo di materiale pedo-pornografico.

L’uomo, stando alla ricostruzione fornita dalla Polizia di Stato, attirava a sé i giovani con atteggiamenti dapprima solo affettuosi, passava poi a regali piuttosto costosi (capi di abbigliamento firmati, moto, computer, cellulari, promesse di lavoro…) per arrivare a pretendere ed ottenere prestazioni sessuali. A peggiorare la posizione dell’uomo, il fatto che alcuni dei ragazzini caduti nella sua rete versavano in difficoltà economiche e capitolavano alle richieste dell’uomo in cambio dei regali già citati, accontentandolo nelle sue pretese sessuali.

Il 52enne è conosciuto in città e gode di ottima considerazione tra le famiglie dei volontari del canile di Varese e tra le onlus di Varese e provincia, che spesso hanno organizzato eventi benefici pro-canile.

Le manette sono scattate a Malpensa, al ritorno di un soggiorno turistico in Tunisia, dove si è intrattenuto due settimane con una delle sue vittime e la madre di quest’ultima.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 08 Luglio 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Fernando G.
    Scritto da Fernando G.

    Ma perchè, in questi casi non viene messa una foto e nome e cognome del pedofilo?
    _______________________

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.