Quantcast

Trenta ore in balia di Vueling

Ritorno dalle vacanze da incubo per centinaia di passeggeri italiani che sabato dovevano tornare da Barcellona. L'esperienza del fagnanese G.P.: "Abbandonati a noi stessi"

aeroporto barcellona coda vueling

Come trasformare il ritorno dalle vacanze in un incubo durato oltre 30 ore. E’ quello che hanno vissuto centinaia di passeggeri che da Barcellona, sabato scorso, dovevano tornare a Malpensa. La giornata nera di Vueling, compagnia low cost spagnola, è iniziata sin dalle prime ore del mattino con voli cancellati a raffica.

Tra le centinaia di passeggeri rimasti a terra c’era anche G.P., 25enne di Fagnano Olona, che doveva tornare dalla località spagnola dopo una vacanza con la fidanzata: «Dovevamo partire alle 17 di sabato e arrivare alle 18,30 ma il nostro aereo è stato cancellato e siamo stati abbandonati a noi stessi. Per ognuno dei passeggeri c’era una giustificazione diversa: a noi hanno detto per il maltempo, ad altri per un ordigno che doveva essere fatto brillare a Malpensa».

Dal momento in cui è stata comunicata la cancellazione del volo è iniziato il calvario: «Due ore e mezza per avere informazioni al banco. Alle 21,15 ero ancora in coda per sapere cosa fare. Ci hanno messo su un pullman e ci hanno portato in un hotel a 140 km di distanza, di fianco all’aeroporto di Girona. Volevano riproteggerci su un volo per Genova che poi ha avuto problemi ai motori e ha fatto un atterraggio di emergenza. La Polizia ha dovuto contenerci. Siamo partiti domenica alle 14 con un volo per Venezia perchè era l’unico disponibile e da lì c’era un pullman che è arrivato a Malpensa al T2 alla sera. Per quasi 40 ore siamo rimasti in balia di una compagnia di incompetenti».

Lunedì G.P. è tornato a Malpensa per chiedere spiegazioni e il rimborso ma le cose non sono andate meglio: «Sono stato maltrattato anche al box informazioni della Vueling». L’unica proposta di rimborso che alcuni hanno ricevuto consiste in uno sconto di 20 euro sul prossimo volo prenotato con la compagnia spagnola. Un po’ poco, visto il disagio subito.

di orlando.mastrillo@varesenews.it
Pubblicato il 09 settembre 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Felice

    Spendi poco? Hai poco nulla anche nei casi di disservizi. Benvenuti nella globalizzazione e nell’epoca di quelli che pretendono di essere trattati come passeggeri first-class quando spendono 19€ per fare Malpensa-Londra.

  2. Scritto da assurdo

    19euro, dovresti informarti di più, non siamo nel mondo dei sogni.
    sicuramente sono più furbe le persone che vanno in uno stato e vengono mandati in un albergo 3 stelle con vitto e alloggio pagato per anni. loro sì sono i veri furbi

  3. Scritto da Assunta

    E’ stata una vera odissea per chi come me ha avuto il dispiacere di essere tra i 180 passeggeri del volo…assistenza zero. Io gli faccio causa e vediamo chi avrà ragione……quelli di vacanzarovinata.it sembrano che abbiano le idee chiare ed alla questione hanno dedicato un articolo

Segnala Errore