Arte e misericordia per vivere intensamente la Quaresima

Musica, fotografia e scultura: nella Chiesa parrocchiale una mostra e un concerto per riflettere su famiglia e misericordia nel periodo della Quaresina

La Quaresima a Bisuschio

Una Quaresima da vivere intensamente e concretamente. E’ quella che don Silvano Lucioni, parroco di Bisuschio, sta preparando per il suoi parrocchiani, con tante diverse iniziative che ruotano attorno al tema della misericordia.

Ogni settimana sarà caratterizzata da una diversa proposta, arricchita anche da eventi artistici.

Domani, venerdì 26 febbraio alle 20.30 nella chiesa parrocchiale o fedeli sono invitati a vivere la Passione di Cristo attraverso immagini musicali dal rinascimento al XX secolo, proposte dal Gruppo Polifonico S.Maria del Monte di Varese.
Al termine, alle 21.30, ci sarà l’inaugurazione della mostra “Bentornata famiglia…Bentornata!”, realizzata in collaborazione con il Movimento e Centro di Aiuto alla Vita della Valceresio.

“La misericordia nasce in famiglia – spiegano gli organizzatori – E’ lì che si impara perché è il linguaggio primario dell’amore. La prima identificazione di una persona è il linguaggio nel quale è immersa e attraverso di esso si sviluppa, cresce e ne viene connotata”.

Tre vie, tre linguaggi dell’arte differenti, caratterizzano la mostra che conduce il visitatore al cuore della famiglia.

Nella via della scultura si percorre la “Forza della Vita” rappresentata da Oreste Quattrini, si attraversa “Noi siamo generati dall’Amore” di Antonio Quattrini, per arrivare a “Tracce di famiglia” con Zoraya Martinez. Ospiti gli scultori locali Gianfranco Colombini e Roberto Ceri che presenteranno le loro opere a tema.

La via della fotografia racconta “Il miracolo della Vita” attraverso pannelli fotografici realizzati da Fabia e Francesco Ghisi.

La via della parola, denominata “Per sempre”, è stata realizzata grazie ai pensieri dei ragazzi della scuola media Don Milani di Bisuschio con la professoressa Monica Colognese e organizzata da Giulia Martinelli, e sarà arricchita da un racconto di Susanna Primavera intitolato “La chiameremo Susy”.

La mostra resterà aperta tutti i giorni fino a domenica 6 marzo dalle 15 alle 18.

(nella foto l’opera “Noi siamo generati dall’amore” di Antonio Quattrini)

di mariangela.gerletti@varesenews.it
Pubblicato il 25 febbraio 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore