Gp Lugano, un percorso nel segno della tradizione

Domenica 28 si corre nella città ticinese: confermati il traguardo sul lungo lago e il Gpm di Collina d'Oro. Sabato il premio a Ivan Basso

presentazione gp lugano 2016 ciclismo

È quasi terminato il conto alla rovescia per la 70a edizione del Gran Premio Città di Lugano che si disputerà domenica 28 febbraio con partenza (alle 11.30) e arrivo sulle sponde svizzere del Ceresio. L’appuntamento è stato presentato nella Sala del Consiglio Comunale della città ticinese attraverso gli interventi del presidente del Velo Club Lugano, Andrea Prati, e degli uomini del comitato organizzatore con Elio e Patrick Calcagni.

Confermato il percorso nel segno della tradizione: dopo un iniziale tratto in linea si affronterà per cinque volte un circuito disegnato a forma di “otto” in modo da consentire ben dieci passaggi sul traguardo (sul lungolago) a beneficio dei tifosi. In tutto gli atleti dovranno percorrere 184 chilometri. Tra le scelte confermate anche quella di porre il gran premio della montagna della gara sulla salita di Collina d’Oro. Nuovo invece il main sponsor della manifestazione che porterà il marchio di Locatelli Elettricità e Telecomunicazioni.

«Ringrazio i nuovi sostenitori del Gran Premio così come tutti coloro che da tempo ci sono vicini – ha affermato Andrea Prati – oltre naturalmente alle amministrazioni comunali che ci permettono di mandare in scena questa gara professionistica. Lo scorso anno l’UCI ha eletto la nostra corsa al rango di Hors Categorie, ora noi puntiamo a fare un ulteriore passo in avanti proponendoci per entrare nel World Tour. Metteremo tutta la nostra passione e professionalità nell’allestire questa giornata sportiva».

«Un percorso abbastanza impegnativo – spiega Elio Calcagni – con 2520 meri di dislivello totale. Oltre al Gpm di Collina d’Oro ci sono altre asperità in ogni tornata che permetteranno la selezione e daranno la possibilità ai migliori atleti di mettersi in luce».

LE SQUADRE ISCRITTE – Lampre Merida, Dimensione Date, Iam Cycling, Androni Sidermec, Bardiani CSC Inox, Nippo Vini Fantini, Gazprom Rusvelo, Novo Nordisk, Verva Activejet, Stoelting Service Group, Roht Skoda, Amore & Vita, Unieuro Wilier, Bottecchia D’Amico, Christina Jewelry.

UN PREMIO PER IVAN – L’antipasto del Gp Lugano sarà “servito” alla vigilia della corsa e cioè sabato 27 con la consegna di un premio a Ivan Basso, il grande campione di Cassano Magnago che si è ritirato al termine della passata stagione. Basso vinse proprio a Lugano (piuttosto a sorpresa) nel 2011 (QUI l’articolo di VareseNews) ed è stato scelto dall’associazione “I 30 saggi (?) arrotini” che ogni anno conferiscono un riconoscimento a un atleta capace di mettersi in luce per le sue qualità. Prima di Basso il premio è andato a Tony Rominger, Rubens Bertogliati, Stefano Garzelli e Paolo Bettini.

di damiano.franzetti@varesenews.it
Pubblicato il 24 febbraio 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore