Come regolare l’azzardo: convegno a sala Mazzucchelli

Venerdì 6 maggio si terrà il Convegno “Comuni, Istituzioni e Società Civile uniti per regolare l’azzardo. Un dovere, una necessità”

Gioco patologico

Venerdì 6 maggio dalle ore 9 si terrà a Morazzone presso la Sala Mazzucchelli del Comune il Convegno “Comuni, Istituzioni e Società Civile uniti per regolare l’azzardo. Un dovere, una necessità”, che affronta il tema cruciale con cui si stanno confrontando le amministrazioni locali: come regolamentare il gioco d’azzardo legale sul territorio, per contrastarne le derive patologiche.

È rivolto principalmente agli Amministratori Comunali, ma anche ai tecnici (Segretari comunali, tecnici degli uffici SUAP-Commercio, Polizia Locale e Servizi Sociali) in quanto nodi particolarmente interessati al fenomeno.

Infatti, davanti al proliferare di slot machine, sale giochi, videolotterie ed altre offerte di gioco, e davanti ai danni patrimoniali, di salute e relazionali che subiscono le persone e le famiglie che ne vengono colpite, i cittadini spesso si chiedono perché il Comune non intervenga a limitare l’offerta.

Purtroppo molti non sanno che le possibilità di agire a livello locale sono limitate; intervenire è difficile, ma non impossibile.

A partire da settembre 2015 nell’ambito del progetto finanziato da Regione Lombardia “Coordinandoci contro l’overdose da gioco d’azzardo” (Ente Capofila, Comune di Buguggiate, sostenuto da 5 Ambiti distrettuali e 25 Comuni 1 , con la consulenza scientifica di AND-Azzardo e Nuove Dipendenze) i referenti di 16 dei comuni aderenti con i legali di AND hanno studiato alcune possibili soluzioni giuridiche, che verranno presentate proprio nel convegno di venerdì, per renderle fruibili anche ad altri territori. E’ stato necessario studiare i molti dispositivi già adottati in molte realtà italiane, anche alla luce di degli esiti dei ricorsi presso i TAR, il Consiglio di Stato e la Corte Costituzionale, per arrivare alla formulazione di schemi fruibili anche in altri territori.

Le adesioni al convegno sono state numerose, e la sala è pressoché al completo. Alcuni posti sono stati conservati per gli amministratori del territorio che dovessero iscriversi direttamente in sede, proprio perché è a loro che il convegno è dedicato.

Programma

9.00 – Apertura dei lavori – saluto Autorità

9.30 – Cristina Galimberti (Sindaco di Buguggiate) – Perché l’Ente Locale si occupa di azzardo?

10.00 – Paolo Jarre (Direttore Dipartimento Patologie di Dipendenza, ASLTO3, Piemonte) – Panoramica critica sulle regolamentazioni locali dal 2005 a oggi

10.45 – A. Sara De Micco e Giorgio Ferrari (Avvocati AND-Azzardo e Nuove Dipendenze) – Lo studio di una bozza di ordinanza e regolamento: passaggi, criticità e prodotto

11.30 – Giuseppina Menna (Primo Dirigente della Polizia di Stato, Dirigente della Divisione Polizia Amministrativa Sociale e dell’Immigrazione della Questura di Lodi) – Le operazioni di controllo del territorio: costruire un vademecum di interventi possibili

12.15 – Domande e dibattito

13.00 – Conclusione dei lavori

Moderatore: Daniela Capitanucci (Presidente Emerito, AND-Azzardo e Nuove Dipendenze)

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 03 Maggio 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.