Rossi (Busto a Sinistra): “Vogliamo mettere fine al clientelismo”

Abbiamo intervistato il candidato della lista che riunisce le anime della sinistra in città. Venti minuti in cui ha parlato di trasparenza, economia di transizione ecologica e degrado di zone del centro

«Vogliamo mettere fine ad una gestione di rapporti bilaterali con il privato che sanno di clientelismo, la collaborazione di un’amministrazione con soggetti privati deve essere fatta in maniera trasparente mettendo tutti attorno ad un tavolo e facendo un’analisi dei bisogni di queste realtà, che siano imprese private o associazioni e società sportive». Alberto Rossi, candidato sindaco di Busto a Sinistra mette in chiaro uno dei punti su cui la sua lista sta insistendo in maniera particolare. alberto rossi busto a sinistra

Il candidato della sinistra cittadina si riferisce all’affare Palaghiaccio – per il quale sostiene che il comune spenderà in tutto 11 milioni in 30 anni – ma anche all’affidamento della ex-piscina di via Poma alla Pro Patria Judo e alla colonia elioterapica affidata alla Master Boxe (battaglie già iniziate nei suoi 18 mesi da consigliere comunale, ndr) per arrivare alla questione attualissima del cosiddetto Palaginnastica che l’attuale amministrazione ha “promesso” alla Pro Patria ginnastica e che è stato al centro di un incontro che si è svolto ieri sera nella sede di via Ariosto. Per sapere cosa ne pensa Rossi segui l’intervista video.

di orlando.mastrillo@varesenews.it
Pubblicato il 10 maggio 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore