Fair play e inclusione, l’Antoniana si rilancia tra open day e summer camp

Sono giorni di festa per la società sportiva di via Cà Bianca che ospita diversi concerti fino a domenica, poi inizia la stagione estiva con tante iniziative per il settore giovanile

antoniana calcio dirigenza giuseppe abenante antonio furlan francesco cosentino

L’Antoniana Calcio fa festa e annuncia una serie di iniziative ed eventi. La società sportiva bustocca presieduta da Francesco Cosentino ospita fino a domenica sera un festival musicale e a partire da inizio luglio darà il via all’open day e al summer camp aprendo anche alla collaborazione con il Collegio Rotondi e con altre realtà sportive come la Polisportiva Virtus Solbiate Olona.

A presentare le iniziative ci hanno pensato, oltre al presidente Cosentino, il team manager Giuseppe Abenante e il dirigente Antonio Furlan con il solito entusiasmo che caratterizza questa realtà del calcio dilettantistico cittadino che sorge proprio di fianco al mitico Speroni in via Ca’ Bianca.

Venerdì 1 e 8 luglio dalle 18,30 alle 20 e sabato 2 e 9 luglio dalle 16 alle 19, la società aprirà le porte della sua sede per i ragazzi dai 5 ai 14 anni interessati ad entrare in questa grande famiglia: «Vogliamo far capire loro lo spirito e i valori che animano questa società – hanno spiegato Abenante e Furlan – il fair play, il codice etico dal punto di vista educativo ma anche la presenza di figure professionali adatte alla crescita sportiva dei ragazzi per non lasciare indietro nessuno».

A settembre si svolgerà anche la September cup con esordienti e pulcini, che si giocherà in parte anche al Collegio Rotondi, ad ottobre partirà il progetto psicomotricità al collegio Rotondi, come già accade a Busto.

Furlan ha parlato, invece, del progetto Accademia Antoniana: «Abbiamo messo a punto un codice etico che presentiamo a tutti, coinvolgendo atleti e famiglie con l’obiettivo di creare lo spirito familiare e fare in modo che il sorriso sia sempre sul volto di tutti, che si vinca o che si perda. Vogliamo ridare un’immagine di divertimento per questo sport. L’obiettivo che si pone la società è quello del fair play».

Il presidente Cosentino ha ribadito la linea fin qui tenuta: «Creare una società sana che punta sui giovani cresciuti all’interno delle nostre strutture».

di orlando.mastrillo@varesenews.it
Pubblicato il 11 giugno 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore