La Procura chiede il rinvio a giudizio del sindaco di Brenta

Chiusa l'indagine, Ballardin è accusato di favoreggiamento per una vicenda di soldi usciti dalla cassa dei vigili

conferenza stampa brenta sindaco ballardin

La Procura di Varese ha chiesto il rinvio a giudizio per Giampietro Ballardin, il sindaco di Brenta, accusato di favoreggiamento verso l’ex comandante Bezzolato, che avrebbe distratto, quest’ultimo, una somma di denaro dalla cassa del comando dei vigili del Medio Verbano.

Il pm Massimo Politi, in realtà, ha effettuato la richiesta per entrambi gli indagati da tempo, ma si è appreso solo oggi. Ora si attende che il tribunale fissi l’udienza davanti al giudice dell’udienza preliminare. La vicenda ha avuto una larga eco, perché dopo l’arresto ai domiciliari, contro Ballardin e il Pd, venne organizzata una manifestazione dal Movimento 5 Stelle che fece convergere su Brenta i suoi parlamentari e alcuni leader nazionali.

Ballardin si dice totalmente estraneo alla vicenda e a giugno si è ricandidato a sindaco. La sua era l’unica lista, ma è stato eletto grazie al raggiungimento del quorum.

di roberto.rotondo@varesenews.it
Pubblicato il 12 ottobre 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore