Interrogato Valentini, il legale: “Non ravvisò reati da parte di Cazzaniga”

Parla il difensore dell'allora direttore dell'ospedale di Saronno accusato di omessa denuncia e favoreggiamento del medico che avrebbe ucciso 4 pazienti al Pronto Soccorso

«Se non ha segnalato comportamenti penalmente rilevanti alla Procura è perchè non ha ritenuto di avere elementi tali per poterla fare». La linea difensiva dell’ex-direttore medico dell’ospedale di Saronno Paolo Valentini, interrogato per sei ore da  magistrato titolare delle indagini sulla coppia di amanti killer al Pronto Soccorso Maria Cristina Ria, è stata questa.

A riportarla agli organi di informazione, assiepati davanti agli uffici di largo Giardino, è stato l’avvocato del Foro di Milano Riccardo Mantovani (foto), al termine dell’interrogatorio iniziato alle 9 del mattino e conclusosi alle 15,30.

L’avvocato difensore del dirigente ha anche ribadito che il suo assistito, accusato di omessa denuncia e favoreggiamento nei confronti di Leonardo Cazzaniga (accusato di 5 omicidi), ha risposto a tutte le domande in maniera dettagliata e ha ribadito che la sua valutazione  si sarebbe basata sulle relazioni che gli sono state presentate dai componenti della commissione interna che doveva valutare la denuncia dei due infermieri in merito ad un presunto uso non corretto di farmaci anestetici in relazione alla morte di alcuni pazienti, curati proprio da Cazzaniga..avvocato riccardo mantovani

Gli interrogatori proseguiranno anche domani e giovedì quando verranno sentiti gli altri componenti della commissione interna e gli altri indagati ma – forse prima della fine dell’anno – potrebbe toccare ancora a Leonardo Cazzaniga, intenzionato a chiarire ulteriormente la sua posizione.

AMANTI KILLER IN PRONTO SOCCORSO, COSA SAPPIAMO DELLA VICENDA

TUTTI GLI ARTICOLI 

di orlando.mastrillo@varesenews.it
Pubblicato il 12 dicembre 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore