L’Impresa Bossi avvia il licenziamento dei dipendenti

Da mesi la storica azienda gallaratese è in difficoltà: nei giorni scorsi comunicati 32 licenziamenti di operai, tecnici e impiegati. Lunedì presidio davanti alla sede

edilizia apertura

Si troveranno in presidio, lunedì mattina, i lavoratori della Impresa Oreste Bossi & Figli di Gallarate, storica azienda dell’edilizia della zona che ha avviato la procedura di licenziamento collettivo di tutte le maestranze, operai, impiegati e tecnici.

Da alcuni mesi l’impresa – che era impegnata in diversi cantieri, nella zona ma anche a Milano – aveva difficoltà, emerse anche con i ritardi nel pagamenti degli stipendi a ridosso dell’estate, riferiscono i lavoratori. Nell’ultimo anno era stata attivata la cassa integrazione ordinaria e straordinaria, che aveva coinvolto a rotazione i lavoratori e che era stata poi chiusa.

La situazione grave dell’azienda è però emersa quasi d’improvviso nel cuore dell’estate, dicono i sindacati: «Al 10 di agosto ci hanno annunciato la cessazione dell’attività e il concordato preventivo per l’azienda, con licenziamento collettivo» spiega Stefano Rizzi, sindacalista della Fillea Cgil che sta seguendo la vertenza insieme ai colleghi di Cisl e Uil. «Ma fino ad allora l’impresa ci aveva prospettato solo alcuni esuberi, meno di una decina». Si sarebbe trattato di un numero significativo, ma comunque non della totalità dei dipendenti. Invece è arrivata la «doccia fredda» come la definiscono gli stessi sindacalisti: saranno licenziati sette impiegati tecnici, due amministrativi, più ventitré operai e magazzinieri.

gallarate generico
i magazzini dell’azienda in viale Milano angolo via Adda

L’impresa Oreste Bossi è una azienda molto conosciuta a livello locale, fondata nel 1885 e – fino ad oggi – attiva in diversi cantieri della zona. Molti degli interventi edilizi su cui l’impresa era impegnata fanno riferimento ad altre società (di capitali o cooperative), non coinvolte nella crisi dell’Impresa Oreste Bossi srl (i vertici dell’azienda, contattati, non rilasciano dichiarazioni). Tra le preoccupazioni espresse dai lavoratori e dai sindacati c’è anche lo stato effettivo dei versamenti alla Cassa Edile e agli enti previdenziali. Lunedì 11 settembre, al mattino, i dipendenti terranno anche un presidio di fronte alla sede dell’azienda in via Torino.

di
Pubblicato il 10 Settembre 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da amber

    Questa e’ l’ennesima conferma che la situazione del paese Italia e’ decisamente preoccupante, ed e’ l’ennesima conferma che l’imprenditoria gallaratese sta morendo….

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.