Il venegonese Roberto Castelli maestro di “battuta al coltello”

Il macellaio venegonese ha vinto per il secondo anno la singolare competizione organizzata in occasione della "Fera dij pocio e dij bigat" di Trinità

Avarie

Per il secondo anno consecutivo il “Campionato di battuta al coltello” organizzato alla “Fera dij pocio e dij bigat” di Trinità (in provincia di Cuneo) è stato vinto dal venegonese Roberto Castelli della Macelleria Consonni di Venegono Inferiore.

Castelli, come gli altri nove concorrenti, ha “affrontato” un pezzo di coscia di vitello intera (rigorosamente di razza piemontese) munito unicamente di coltello, riuscendo a preparare in soli tre minuti e 4 secondi un chilo e mezzo di carne cruda  perfettamente tritata.

Una giuria di esperti ha cronometrato i tempi e assaggiato i risultati, premiando velocità d’esecuzione, qualità, bellezza e preparazione.

La nota macelleria venegonese ha conquistato anche il premio per la “battuta più bella”, dunque per la presentazione, mentre il premio per la “battuta più gustosa” è andato alla macelleria Boetti di Mondovì.

 

di
Pubblicato il 30 Novembre 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.