Mezzi diversi, biglietto unico: sarà realtà dal 2019?

Anche in provincia di Varese si lavora per unificare i sistemi di bigliettazione su treni, autobus urbani ed extraurbani e traghetti

biglietto pullman

Un solo biglietto per viaggiare su bus, treni, traghetti. Se ne parla da molti anni ma, entro un anno, potrebbe diventare realtà.

A dare il via al biglietto elettronico unificato potrebbe essere la provincia di Brescia che proprio oggi ha ricevuto l’approvazione in giunta regionale del “Programma di bacino dell’Agenzia per il Trasporto pubblico locale”.

«Il piano – ha spiegato l’assessore  a Infrastrutture, Trasporti e Mobilità sostenibile di Regione Lombardia Claudia Maria Terzi – è importante per definire una programmazione integrata ed efficiente di tutti i servizi di trasporto pubblico locale nel territorio dell’Agenzia di Brescia. A partire dalla meta’ del prossimo anno, con l’affidamento della nuova gara, sarà introdotto il titolo di viaggio unico che consente di utilizzare diversi mezzi, dall’autobus al treno, dal metrobus al battello, con un solo biglietto. Saranno inoltre eliminate le sovrapposizioni tra ferro e gomma».

Quando la bigliettazione unica arriverà a Varese?
« Siamo un po’ più in ritardo rispetto alla provincia di Brescia ma entro il prossimo anno dovremmo arrivare anche noi» A parlare è Valerio Mariani, consigliere con delega al trasporto pubblico di Provincia di Varese, impegnato a costruire programmi e attività dell’Agenzia per il trasporto pubblico locale del bacino di Como, Lecco e Varese : « Il lavoro era già avviato per l’unificazione ma ci siamo arenati a causa dei differenti sistemi informatici adottati dai singoli operatori. La legge impone che i gestori del trasporto siano in grado di offrire servizi integrati. In Europa già ci sono gestori unici e, piano piano, anche le aziende locali si stanno consorziando e adeguando per prepararsi alla bando che assegnerà il servizio per i prossimi 6 anni. Stiamo parlando di un settore che fattura 60 milioni di euro all’anno e che, però, impone paletti precisi tra cui quello della gestione unificata della bigliettazione».

L’ambito a cui accede Varese, insieme a Lecco e Como, pone dei problemi di differenze di offerte anche a causa di una divisione del territorio più netta: « Si andrà sicuramente verso un bando duplice: da una parte la provincia di Varese e, dall’altra, quella di Como e Lecco accorpate».

I lavori procedono anche se da Milano non è ancora arrivato il benestare del programma: « Noi abbiamo presentato il nostro programma tempo fa e speravamo di poter convocare l’assemblea dei soci a fine luglio. Pensiamo, però, che la decisione della Regione non arrivi in tempo per cui dobbiamo slittare a inizio settembre. Solo con l’approvazione da parte della Regione possiamo convocare l’assemblea».

L’adesione di Regione Lombardia riguarda la parte su rotaia: con il coinvolgimento dei due gestori attuali delle ferrovie si completerà la rosa degli operatori del trasporto. Tutti insieme per agevolare i passeggeri, almeno nell’acquisto dei biglietti.

di
Pubblicato il 17 luglio 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore