“Romanza senza parole”, l’Alzheimer raccontato da una figlia

Il libro di Annalina Molteni sarà presentato venerdì 14 settembre alle 21 all'auditorium di Maccagno

malato di alzheimer anziano

Annalina Molteni con “Romanza senza parole” (Magazzeno Storico Verbanese) compie un piccolo capolavoro di scrittura e di cura. Parlare della malattia, quando questa coinvolge la propria madre, è un’operazione che può travolgere chi la compie. A maggior ragione quando si tratta del morbo di Alzheimer che ha nell’incomunicabilità il suo tratto rilevante.

Questa malattia costringe «l’individuo in un angolo buio, solitario, sospeso nel tempo, senza memoria e senza parole», scrive nella prefazione Thomas Fletwood della clinica neurolociga dell’Ospedale Maggiore di Novara.

Annalina Molteni prova a rischiarare quell’angolo buio con una scrittura luminosa, dando un ordine al caos che governa la memoria e la vita del malato di Alzheimer, mantenendo, pagina dopo pagina, un senso di rispetto profondo verso la libertà “malata” della madre. “Romanza senza parole” non racconta infatti solo il declino della mente di un’ultrasettantenne, ma anche la ricerca di dignità di una persona che non è più in grado di condurre una vita normale. In questa ricerca, la comunità di appartenenza diventa fondamentale, a partire dalla signorina del supermercato di Porto Valtravaglia che ogni volta conta con pazienza le monete dopo la spesa, un gesto semplice ma carico di empatia. La difficoltà di calcolo è infatti uno dei primi sintomi che manifestano i malati di Alzheimer.

Versi poetici e note musicali, ripescati in qualche cassetto in disuso della sua mente, sono la compagnia ideale per quella madre che non riesce più a rispondere a tono e a condividere i ricordi in modo coerente. E così l’invocazione alla luna di Leopardi nel “Canto di un pastore errante nell’Asia” diventa un’affermazione che non ha bisogno di risposte. Così come le note di un concerto per violino e orchestra vivono di luce propria. Basta ascoltarle.

Con questo libro Annalina Molteni prova a ridare un senso allo spazio e al tempo perduti, passando i propri ricordi dalle fitte maglie di un setaccio dove dolore, amore e ironia ricompongono la relazione più importante della nostra esistenza.

“Romanza senza parole” sarà presentato venerdì 14 settembre alle 21 all’auditorium di Maccagno. Insieme all’autrice interverrnno anche il neuropsichiatra Orlando Deldon e il pianista Adalberto Riva.

di michele.mancino@varesenews.it
Pubblicato il 14 settembre 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore