Soragni (Lega): “Allarme morbillo. Il sindaco imponga certificato medico”

Appello del consigliere comunale (medico) di opposizione che ritiene insufficiente l'autocertificazione fino a 5 giorni di assenza per chi frequenta scuole comunali

consiglio comunale castellanza

Il consigliere comunale della Lega Angelo Soragni è prima di tutto un medico e per questo tra i temi che spesso affronta nell’ambito della sua azione politica c’è la questione sanitaria. Al centro della riflessione del consigliere c’è un tema di grande attualità che è quello del morbillo che definisce «una minaccia l’Europa e l’Italia».

In questo caso non c’entrano direttamente i vaccini ma il tema è strettamente legato. Prosegue Soragni: «In sei mesi in Europa vi sono stati 41.000 contagi e 37 morti, numeri ripresi da un articolo apparso sul Corriere della Sera il 21.08.2018)». All’avvio dell’anno scolastico ritorna sull’argomento già affrontato alcuni mesi fa in consiglio comunale e cioè il tema dell’autocertificazione che i genitori possono fare per la riammissione a scuola dopo malattia infettiva dei loro bambini.

«Infatti in base alla legge di Regione Lombardia non è necessario il certificato medico per la riammissione dopo 5 giorni di malattia. Bisogna però evidenziare che nei primi sei mesi del 2018 in Italia vi sono stati ben 2009 contagi di morbillo confermandosi ai primi posti in Europa per numero di casi. Ma vi sono molte altre malattie che richiederebbero un controllo medico prima del rientro in comunità. Da qui a mio parere la necessità di istituire nelle scuole di Castellanza (nido,scuola materna,scuola elementare) l’obbligo di visita medica e certificato di guarigione prima del rientro in classe».

Soragni ritiene che i genitori debbano essere sicuri che i loro figli siano effettivamente guariti dopo malattia e quindi l’appello al sindaco: «Il Sindaco essendo responsabile della salute dei suoi cittadini, ha tutta l’autorità per regolamentare la riammissione a scuola dei bambini tenendo presente che il centro europeo per il controllo delle malattie infettive mette l’italia ai primi posti per il numero dei casi di morbillo».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 14 settembre 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore