Paesaggi Varesini di Giovanni Beluffi

La Sala Veratti presenta la mostra personale dell’artista di Castelseprio

Arte - Mostre

Domenica 28 ottobre alle ore 11.00 si inaugura la mostra personale di Giovanni Beluffi, con il patrocinio del Comune di Varese. L’artista di Castelseprio presenta al pubblico le ultime sue opere, ricche di poesia dedicate ai paesaggi varesini, interpretati con notevole abilità di sintesi. Saranno esposte una ventina di tele in acrilico, applicate su tavola e, nelle vetrine, altrettanti studi su carta. Per l’occasione, sarà disponibile il catalogo, edito dal Consorzio Artigiano L.V.G., con testi dell’Assessore alla Cultura del Comune di Varese Roberto Cecchi e del critico d’arte Fabrizio Rovesti, curatore della mostra.

Scrive l’Assessore Roberto Cecchi «Giovanni Beluffi è un artista il cui operato si dipana in oltre quarant’anni di lavoro e si caratterizza per la reinterpretazione del paesaggio che lo circonda – in particolare quello della Valle Olona, ma anche il Sacro Monte, i boschi e le bellezze del territorio – attraverso una visione pacata e intimistica. La sua produzione, caratterizzata da un’impronta materico-informale, che dalla pittura a olio si sposta all’acrilico, utilizza un’estrema semplicità di linguaggio lasciando spazio a interpretazioni personali. La materia è fluida, i colori sono in perfetto equilibrio tra di loro, la pennellata è evanescente e caratterizzata da pochi tratti incisivi».

Scrive il Critico Fabrizio Rovesti «Il canto e l’incanto del paesaggio varesino …I suoi paesaggi varesini, di tono intimistico, non sono tumultuose ricerche luministiche, ma equilibrate, rasserenanti quanto sorprendenti composizioni di forme originate da aree di coloreluce, alla cui definizione concorrono tratti, tocchi scattanti, linee appena accennate (v. Valcuvia). Segni grafici che possono farsi più fitti, marcati, inquieti, ma mai inquietanti (Sotto la collina), che indicano a volte la presenza di arbusti cresciuti su lembi di terra non verdeggianti (La brughiera). Una linea, anche ottenuta per sottrazione di colore (Autunno sul lago), un lungo graffio, può accennare un limite, un passaggio, dalla terra al cielo, dall’acqua al bosco, dalla pianura al monte. Si tratta tuttavia sempre dell’intuitiva ricerca di un equilibrio compositivo e di armoniche contrapposizioni tonali, che spesso comportano la definizione di proporzioni la cui regolarità ricorre nell’ottenimento di parti orizzontali uguali, in particolare, la metà dello spazio di rappresentazione (Lago d’inverno)».

PAESAGGI VARESINI
Sala Veratti – Varese, Via Veratti 20
28 ottobre – 09 dicembre 2018 Inaugurazione domenica 28 ottobre ,ore 11.00
Orari di apertura : Giovedì e venerdì : 14.30/18.30 – Sabato e domenica : 10.30/12.30 – 14.30/18.30 Ingresso gratuito
Per Info : Musei Civici, Castello di Masnago, tel. 0332.820409

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 26 ottobre 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore