Aiuto, ascolto e servizi: cresce l’opera di Cancro Primo aiuto

Il 2018 si chiude con un aumento dei pazienti seguiti, circa 32mila, con circa 65.000 prestazioni gratuite fornite e 2.200 parrucche donate a donne

cancro primo aiuto

Un anno che si chiude con risultati importanti e uno che si apre con  proposte e iniziative. Al Consiglio di Amministrazione di Cancro Primo Aiuto, riunito a Villa Walter Fontana a Capriano di Briosco, l’amministratore delegato della onlus, Flavio Ferrari, ha presentato una sintesi dei numeri del 2018 e i progetti del 2019 che hanno soddisfatto l’assemblea. Ed è stata anche l’occasione per annunciare l’entrata di nuovi consiglieri e di premiare il vicepresidente di Regione Lombardia, Fabrizio Sala, per il suo contributo all’associazione.

Il 2018 si dovrebbe chiudere con circa 32mila malati seguiti per circa 65.000 prestazioni gratuite fornite (in entrambi i casi con un incremento del 6%) e ben 2.200 (+7%) parrucche donate a donne che si sono dovute sottoporre a chemioterapia. L’ iniziativa, vista la sempre maggiore richiesta, verrà estesa ad altri ospedali nell’arco del prossimo anno.

Un grande sforzo verrà fatto anche sul fronte del trasporto dei malati che colpisce persone sempre più anziane, e quindi con difficoltà di movimento. Continueranno ad essere portati avanti anche diversi altri servizi come il sostegno psicologico (uno psicologo di Cancro Primo Aiuto è presente in diversi ospedali lombardi), l’acquisto di macchinari, la terapia del dolore, punto di forza del poliambulatorio “Medica Etica” aperto nei mesi scorsi a Seregno (Mb) che nel corso del 2019 si focalizzerà anche su altri percorsi terapeutici.

«Una delle peculiarità della nostra associazione – ha detto Ferrari – è sicuramente quella di collaborare con altre onlus che lavorano localmente e portano avanti progetti utili al sostegno dei malati oncologici. E’ un rapporto che si manifesta spesso in forma di sostegno economico o di donazione degli strumenti e dei mezzi che permettono a queste Onlus di svolgere al meglio la loro missione».

Si è poi parlato di una particolare iniziativa in corso: la raccolta di materiale per gli alluvionati del Veneto. E durante l’evento è stato premiato Marco Vegetti della Ipea di Meda perché è stato il primo, insieme ad Antonio Tirelli, patron dei centri commerciali Iperal, a rispondere all’appello di Cancro Primo Aiuto. A consegnargli un quadro gli altri artefici dell’iniziativa:Antonio Bartesaghi per Confindustria Lecco e Sondrio, Nicola Caloni per Confimi Monza e Brianza e l’onorevole Paolo Grimoldi per la Lega.

La serata si è conclusa con l’annuncio dell’entrata nel CdA di quattro nuovi consiglieri (Stefano Fiocchi, Antonio Grimaldi, Alessio Laurenzano e Paolo Origoni) e la consegna di un riconoscimento al vicepresidente di Regione Lombardia, Fabrizio Sala, che è risultato essere, tra i componenti del Comitato onorifico di Cancro Primo Aiuto, quello che dà maggiore visibilità all’associazione. A premiarlo, tra gli altri, il presidente di Cancro Primo Aiuto, Plinio Vanini, l’assessore alle Politiche sociali di Regione Lombardia, Stefano Bolognini, e i segretari regionali della Lega, Paolo Grimoldi, e del Pd, Vinicio Peluffo.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 06 dicembre 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore