“Sull’autonomia il Governo faccia chiarezza: il dibattito esca dalle segrete stanze”

Il sindaco di Varese chiede maggiore trasparenza sulla definizione che la maggioranza di Governo sta dando al percorso per l'attuazione dell'autonomia richiesta da Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna

davide galimberti

Nelle ore in cui rimbalzano a Roma i testi tecnici sull’attuazione dell’autonomia richiesta da Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna, il sindaco di Varese chiede maggiore trasparenza sulla definizione che la maggioranza di Governo sta dando al percorso legislativo.

Nella serata di giovedì 14 febbraio un Consiglio dei ministri lampo ha preso atto dell’istruttoria presentata dal ministro Erika Stefani sulle autonomie ma oggi si torna a parlare delle divisioni sul tema tra i due poli della maggioranza di Lega e Movimento 5 Stelle.

Su questo percorso verso il quale si è incamminato il procedimento chiede oggi di fare chiarezza il sindaco di Varese Davide Galimberti: «chiedo che venga fatta chiarezza sul lavoro che si sta facendo che invece mi sembra si stia svolgendo in segrete stanze senza coinvolgere tutti quei territori che ogni giorno fanno andare avanti le città e l’Italia».

Galimberti spiega: «ben venga una maggiore autonomia dei territori ma vorremmo capire di che cosa stiamo parlando nel concreto. Credo che ne abbiano il diritto i cittadini, le regioni, i quasi 8000 comuni italiani e tutti gli enti che in un modo o nell’altro, nel bene e nel male, ne saranno coinvolti. Perché ovviamente siamo tutti d’accordo, e l’abbiamo sostenuto, che oggi i territori debbano avere più autonomia, più poteri decisionali e maggiore libertà nella disposizione delle risorse ma è anche vero che tutto questo non deve sfavorire nessuno, e in particolare i comuni che ogni giorno sono in prima linea per garantire risorse, servizi e la qualità della vita che i cittadini ci chiedono».

Il primo cittadino di Varese chiede alla maggioranza di Governo di uscire allo scoperto: «diteci quale autonomia si sta delineando, chi coinvolgerà, in che termini, quali saranno i benefici e soprattutto che ripercussioni avrà sul sistema Italia. Non perdiamo la grande occasione di attuare l’autonomia per ragioni politiche di basso profilo. Gestiamo questo delicato, ma importante argomento, in modo condiviso ed efficace per tutti, evitando pasticci come per il reddito di cittadinanza, le pensioni o la sicurezza».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 15 febbraio 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore