Da Zelig alla Valceresio: si ride con Giovanni D’Angella

Sabato 13 aprile al Nuovo Teatro di Cuasso "Essere o benessere. Non facciamone una malattia", un divertente spettacolo del comico di Zelig e Tù sì che vales

Personaggi

Si ride al Nuovo Teatro di Cuasso con la comicità di Giovanni D’Angella, che sabato 13 aprile (alle 21) porta in Valceresio “Essere o benessere. Non facciamone una malattia”.

Lo spettacolo – un esilarante one man show con canzoni, personaggi e gag – è un intenso monologo teatrale che rompe la quarta parete ed arriva diretto al pubblico. Uno spettacolo sull’eterna lotta, non tra il bene e il male, ma tra il bene ed il benessere, che parte da una serie di domande che riguardano la maggior parte di noi.

Perché stiamo sul divano pur sapendo che per stare bene dovremmo andare a correre? Perché mangiamo il tiramisù pur sapendo che per stare bene dovremmo mangiare i broccoli? Perché ogni mattina cerchiamo di guadagnare più soldi e la sera diciamo che i soldi non fanno la felicità? Tutte queste domande fanno nascere un dubbio amletico: ma il benessere alla fine ci fa bene o ci male?

Su questi ed altri dilemmi, Giovanni d’Angella riflette e fa riflettere il pubblico per 90 minuti di risate. Sul palco Giovanni è tutti noi. È l’avatar che, con intelligente ironia, mette in scena i nostri vizi, i nostri costumi e le nostre speranze.

Lo spettacolo, scritto dallo stesso Giovanni d’Angella con Riccardo Piferi e Giuseppe Della Misericordia e la regia di Riccardo Piferi, è proposto nell’ambito della Stagione 2018/2019 del Teatro di Cuasso al Monte con la direzione artistica di Paolo Franzato.

Pugliese di origine e milanese di adozione, Giovanni D’Angella ha cominciato la sua carriera come cabarettista nei villaggi turistici. Dopo vari premi, dal 2012 arriva la notorietà con la partecipazione a varie trasmissioni televisive tra cui Zelig off (Italia 1), Zelig Circus (Canale 5), Metropolis II (Comedy Central Sky), Tu si que vales (Canale 5), Eccezionale Veramente (La7).

Ingresso 15 euro.

Prenotazioni: tel. 338.7851800 oppure tel. 347.4312170.

di
Pubblicato il 09 aprile 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore