In 1414 per la Fulgor Run 2019

Anche la quarta edizione della corsa cairatese ha ottenuto un enorme successo, tra sorrisi e beneficenza

“Alla quarta edizione della Maratona di New York i partecipanti erano 282. Abbiamo fatto meglio di loro anche quest’anno!”

Così scherzano gli organizzatori della Fulgor Run, giocando con il lusinghiero e irriverente accostamento che molti ormai fanno tra l’evento cairatese e la celeberrima maratona nella Grande Mela, dato che entrambe partono da un ponte.

E sul ponte di Cairate, alle 18:30 di sabato 8 giugno, erano in 1414 allo start della quarta edizione della Fulgor Run, pronti a godersi l’aria giocosa che si respirava lungo i due previsti tracciati da 11 e da 5 km.

«Ma non è tanto il numero di partecipanti che conta – proseguono gli organizzatori – quanto il numero dei loro sorrisi e gli attestati di stima che abbiamo ricevuto da tutti, che fossero top runners, tapascioni, camminatori o famiglie con tanto di passeggino per accompagnare i più piccolini».

Un evento ancora una volta molto ben riuscito, che ha coniugato sport e voglia di divertirsi, riproponendo l’impegnativo e variegato percorso misto che tocca tutti i punti più iconici di Cairate, lungo il quale le fatiche dei partecipanti sono state addolcite da diversi punti musicali e da simpatici striscioni motivazionali, senza dimenticare il fornitissimo ristoro di metà percorso che da quest’anno è formalmente diventato la “Locanda Tamagnino”, dove i più golosi hanno potuto beneficiare perfino di una grigliata e di un buon bicchiere di vino.

E proprio alla “Locanda Tamagnino” Fulgor Run ha sperimentato l’eliminazione dell’utilizzo di bottiglie di plastica, avviando da questa edizione un processo volto a ridurre l’impatto ambientale dell’evento. Operazione riuscita visto che è stata ridotta la produzione di rifiuti di circa 200 bottiglie vuote.

All’arrivo, inoltre, i più piccoli hanno ricevuto un simpatico fumetto che pone l’attenzione sul tema della diminuzione del numero di api, motivo da cui è derivata anche la scelta di regalare una piantina di fiori a ciascun partecipante, insieme al pacco gara.

Primo a tagliare il traguardo sulla distanza lunga è stato Luca Punti, con il tempo di 39’11’’, accompagnato sul podio da Giuseppe Bollini e Fabio Polloni. Alessandro Bonu e Paolo Scatolini sono stati rispettivamente quarto e quinto classificato. Tra le donne Elena Soffia (49’15’’) ha preceduto Luisa Monetta, Giovanna Nervei, Barbara Lombrici e Miranda Ceriano. Sono stati premiati anche Niccolò Battistella e Roberta Tosi, primo e prima a completare i 5km del percorso breve. fulgor run 2019 (Foto Facebook – FulgorRun)

Previsti riconoscimenti anche per i gruppi più numerosi e, novità di quest’anno, sono stati estratti gadget lungo tutta la durata della gara, per dare anche ai più lenti la possibilità di conquistare un premio.

Confermata la presenza massiccia degli asili comunali, così come sono state confermate le presenze di CUAMM-Medici con l’Africa, AIL ed Emergency, proseguendo una collaborazione ormai consolidata.

Nel post-gara molti hanno poi continuato la festa cenando al Fulgor Bar, per poi assistere al concerto delle Shooting Stars, esibitesi sul palco del Fulgor Village.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 13 giugno 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore