Contro l’infarto arrivano i defibrillatori nei tre centri cittadini

Il progetto approvato dall'amministrazione comunale su proposta dell'associazione Falchett. Il primo Dae già posizionato ad Abbiate. Presto anche nei centri di Tradate e Ceppine

Tradate nel cuore

Tradate avrà tre defibrillatori pubblici: uno ad Abbiate (già esistente), uno a Tradate e uno alle Ceppine. Oltre a quelli già presenti nelle strutture pubbliche della città, come il municipio e le palestre. L’iniziativa è stata portata avanti dall‘amministrazione comunale che ha appoggiato la proposta del gruppo Falchett. L’iniziativa è stata presentata in municipio venerdì dove erano presenti: il sindaco Giuseppe Bascialla, l’assessore Erika Martegani, il vicesindaco Franco Accordino, l’assessore Marinella Colombo e l’assessore Alessandro Morbi, insieme al presidente dell’associazione Mauro Micheluzzi, che ha fortemente voluto il progetto.

«Il progetto tradate nel cuore nasce su proposta del Falchett – ha spiegato la Martegani -. Qualche settimana fa in collaborazione col gruppo Alpini è stato installato primo defibrillatore all’aperto ad Abbiate. Il Falchett ha proposto di ampliare questa iniziativa ai centri di Tradate e Ceppine. Abbiamo presentato il progetto in commissione sport e l’associazione avrà il compito di monitorare questo prezioso strumento».

Altamente soddisfatto Micheluzzi: «È un progetto in cui abbiamo creduto fin dall’inizio. Hanno aderito tutti con entusiasmo ed adesso va valorizzato costantemente. Si dà un vero valore alla vita. Devo ringraziare l’amministrazione comunale e in particolare l’assessore Martegani per averci appoggiato fin dall’inizio. Si deve considerare che oggi in Italia 15 milioni di cittadini potenziamenti a rischio infarto. Sono 60mila le persone colpite ogni anno. Se si interviene entro i primi cinque minuti c’è l’alta possibilità di salvare una persona. Difficilmente è possibile arrivare in tempo coi soccorsi. Ed è fondamentale formare i cittadini all’uso del defibrillatore».

Proprio in questa direzione l’amministrazione comunale ha anche confermato che sono stati messi a bilancio mille euro dedicati proprio alla formazione all’uso dei Dae.

di manuel.sgarella@varesenews.it
Pubblicato il 18 ottobre 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore