Caja non cerca scuse: “Tanti errori banali, sconfitta meritata”

L'allenatore biancorosso demoralizzato: "In pochi dei miei hanno dato una mano: Brescia superiore in tutti gli aspetti". Natali: "Siamo andati sotto sul piano dell'intensità: non va bene"

Basket

CAJA 1 – Complimenti a Brescia: sono stati più bravi di noi in attacco, difesa, esperienza e circolazione di palla. Vittoria meritata loro, dei nostri in pochi hanno dato una mano. I nostri avversari hanno giocato meglio.

CAJA 2 – Che il quintetto abbia retto non sono d’accordo: i 21 punti di Mayo sono i più bugiardi della storia della pallacanestro. Gli unici che hanno retto per davvero sono stati Vene e Peak, per il resto serviva una partita diversa. Ho lasciato LJ in campo dopo il terzo fallo proprio perché la panchina non c’era… purtroppo ha commesso subito la quarta penalità.

CAJA 3 – Non è stato neppure un problema di falli, sarebbe anche facile da parte mia cavalcare questo dato. Però abbiamo fatto errori banali, di tecnica di gioco.. il metro è stato quello ma non ha inciso su di noi. Abbiamo fatto fallo quando non avremmo dovuto e viceversa. Qui l’esperienza diversa è emersa… Qualche loro giocatore (Moss e Vitali in particolare) ha più minuti in Serie A di tutta la nostra squadra; queste cose si sentono.

NATALI 1 – In queste due trasferte siamo “andati sotto” proprio nel nostro punto di forza, l’intensità difensiva, e questo non va bene. Di solito, anche contro squadre più pesanti e fisiche della nostra, in campo Varese è sempre stata la più dura: questo oggi non è accaduto. Abbiamo concesso troppi punti facili a Brescia: sarà questo il primo aspetto da registrare.

Semaforo rosso a Brescia per una Openjobmetis troppo molle

BAIONI 1 – Partita di alto livello da ambo le parti: anche Varese ha meriti, ha giocato la sua pallacanestro ma noi siamo stati bravi a interpretare la partita e a gestire le giocate con gli uomini con cui potevamo colpire, specie quando loro hanno avuto problemi di falli sugli esterni, Abbiamo mosso bene la palla e dato fluidità all’attacco mentre in difesa è visibile che abbiamo fatto una grande partita: siamo contenti. Abbiamo capitalizzato la vittoria esterna di domenica scorsa a Bologna.

BAIONI 2 – Moss in quintetto per marcare da subito Mayo che è un ottimo giocatore e sul quale volevamo lavorare con diversi giocatori. Abass arriva da una situazione emotiva bella ma delicata, quindi lo abbiamo preferito utilizzare a partire dalla panchina.

di damiano.franzetti@varesenews.it
Pubblicato il 10 novembre 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore