I Castelli di Cannero diventeranno un museo interattivo

Lo hanno annunciato i Borromeo spiegando che l'apertura al pubblico è prevista entro tre anni

Spiaggetta vicino al Castelli di Cannero

I Castelli di Cannero diventeranno un museo interattivo. Lo hanno comunicato qualche giorno fa il Principe e la Principessa Borromeo Arese, come riporta RSI in questa intervista, annunciando ufficialmente l’avvio dei lavori di restauro della fortezza sul Lago Maggiore.

L’idea della casata è quella di rendere visitabile il luogo al pubblico entro tre anni. “Abbiamo iniziato a pensare di ristrutturare i Castelli di Cannero di una trentina di anni fa – raccontano nell’intervista video – e dopo una lunga serie di studi archeologici e archivistici e di confronti con la sovrintendenza siamo arrivati a definire un progetto che prevede l’apertura dei castelli in una trentina di mesi. I Castelli dovrebbero essere una sorta di collegamento tra l’Italia e la Svizzera e completano un tour di località visitabili con le Isole Borromeo, Villa Taranto, Villa Pallavicino, Angera, l’Eremo di Santa Caterina del Sasso e le isole di Brissago”. “Era davvero il momento di fare qualcosa per il territorio e che desse un senso così grosso come quello di una ristrutturazione in mezzo al lago che non ha allacciamenti e utenze – continua -. L’obietto è quello di mantenere il carattere romantico di questi castelli e si lavorerà all’interno con strutture rimovibili in legno e metallo ed accessibile a tutti”.

Si potrà dunque accedere ai castelli, costruiti a picco sul lago, e scoprire come si viveva nel ‘500, oltre a godere di una vista bellissima sul Maggiore.

Recentemente si era parlato di Castelli di Cannero perchè il forte vento aveva abbattuto la gru che da anni spuntava tra le mura. 

La storia dei Castelli di Cannero 

Foto di repertorio 

di
Pubblicato il 22 novembre 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore