Inchiesta Mensa dei Poveri, “ci costituiremo parte civile e chiederemo i danni”

Alla vigilia dell'Udienza Preliminare per l'inchiesta che ha toccato (anche) l'urbanistica gallaratese e le società partecipate dell'Alto Milanese il sindaco Cassani conferma l'indirizzo dato al legale incaricato

La nuova giunta di Andrea Cassani

Il Comune di Gallarate si costituirà parte civile nel processo e chiederà un risarcimento a chi patteggerà per quanto appurato dall’inchiesta Mensa dei Poveri.

Lo conferma il sindaco Andrea Cassani, alla vigilia della udienza preliminare (giovedì 7 novembre) di fronte al Gup di Milano.

«Il Comune si costituisce parte civile, già nella delibera si dava mandato di costituirsi». Il riferimento è alla Delibera 102 del 16 ottobre. Che dava mandato a un legale di “analizzare l’esistenza dei presupposti della costituzione di parte civile”, ma al punto tre autorizzava il sindaco (rappresentante il Comune) “a farsi rappresentare e difendere dall’avvocato incaricato nei procedimenti giudiziali […] costituendosi parte civile nei confronti di tutti coloro che verranno rinviati a giudizio per le ragioni meglio evidenziate in preambolo, conferendo al medesimo mandato speciale alle liti con possibilità di farsi sostituire alle udienze”.

Dall’Udienza Preliminare emergeranno le posizioni diverse di chi ha deciso di concordare con la Procura la pena (vale a dire di patteggiare) e di chi invece andrà a giudizio. «Domani si capirà chi va a patteggiamento: nei confronti di queste persone, a quel punto si farà un’azione civile con risarcimento danni» (numerosi sono i patteggiamenti annunciati). Mentre la costituzione di parte civile propriamente detta riguarda chi va a giudizio.

Il legale incaricato di rappresentare il Comune è l’avvocato Riccardo Piga di Busto Arsizio.

Roberto Morandi
roberto.morandi@varesenews.it

Fare giornalismo vuol dire raccontare i fatti, avere il coraggio di interpretarli, a volte anche cercare nel passato le radici di ciò che viviamo. È quello che provo a fare a VareseNews.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 06 Novembre 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.