La Varese femminile sta facendo un gran campionato

La SCS, tornata in Serie B dopo un anno di A2, ha vinto 11 partite su 12 agganciando in vetta la Lodi dell'ex coach Ferri. Il tecnico Piccinelli: «Ci piacerebbe arrivare ai playoff nazionali: questa squadra è un gran bel gruppo»

scs pallacanestro varese femminile 95 stagione 2019 2020

Con la vittoria ottenuta sabato sul campo di Lodi, la SCS Varese è salita in vetta al campionato di basket di Serie B femminile, un torneo che le biancorosse conquistarono alla grandissima già due stagioni or sono, centrando una storica promozione in A2. Come noto, l’avventura nella serie cadetta non andò benissimo, con le varesine che faticarono a ingranare e solo nel finale di stagione ottennero alcune belle vittorie che non impedirono la retrocessione. Un’annata dura che, tra l’altro, portò alle dimissioni della storica presidentessa, Linda Brautigam, e all’esonero di Lilli Ferri, coach artefice della promozione del 2018.

Ritornata “al piano di sotto”, però, la Varese in rosa non ha certo tirato i remi in barca: dopo 12 partite, la squadra di coach Andrea Piccinelli è a quota 22 in classifica, ha perso una sola volta (9° turno, sul campo di Mariano Comense) e nell’ultimo match disputato – appunto sabato 7 – ha espugnato con un clamoroso 50-75 il campo di Lodi, la squadra diretta proprio da Lilli Ferri (in campo anche alcune ex), agganciata così in testa al torneo.

L’obiettivo delle biancorosse è quello di arrivare ai playoff nazionali grazie a una squadra che ha sì cambiato guida tecnica ma ha mantenuto l’ossatura delle due ultime stagioni: in estate sono arrivate solo il play Ludovica Rossini – fortemente voluta dal nuovo coach che l’aveva già diretta – e il giovane lungo Eleonora Lanzani, che nel frattempo ha maturato un anno di esperienza negli USA. Rispetto all’anno scorso può essere considerata “nuova” anche Francesca Cassani, che subì un serio infortunio dopo poche partite e che adesso è la capitana. La SCS ha confermato innanzitutto Alessandra Visconti, torinese, la classica veterana che coniuga esperienza e talento; sono quindi rimaste anche le sorelle Mistò (Elena e Francesca), Chiara Premazzi e Sara Polato oltre ad alcune under 20.

andrea piccinelli allenatore pallacanestro varese femminile
Coach Piccinelli, prima stagione a Varese

A capo dell’area tecnica, come detto, c’è ora l’esperto Andrea Piccinelli, 50enne tecnico comasco che iniziò ad allenare ai tempi della Comense (fu assistente di Corno in A1) e che ha all’attivo una lunga militanza anche in A2 femminile con Biassono, Sanga e Carugate, club da cui proviene. «Il vero obiettivo è quello di provare a fare il massimo, vedremo poi a cosa arriveremo. Certo, la classifica è positiva e centrare uno dei primi tre posti significa andare ai playoff nazionali: ci piacerebbe arrivare lì. Dopodiché è difficile fare pronostici, perché si incrociano le squadre delle altre regioni e bisogna anche finire in un girone favorevole: fare bene in Lombardia è comunque importante perché è certamente il campionato regionale più lungo e probabilmente anche il più difficile. Oltre a noi e Lodi ci sono diverse altre squadre ricche di brave giocatrici, anche giovani come nel caso di Bresso o Costa: dalla nostra abbiamo una serie di vittorie negli scontri diretti, ma siamo solo a 12 giornate su 30. La strada è lunghissima: pensiamo prima al nostro cammino e poi guardiamo alle avversarie».

Ciò che rende orgoglioso Piccinelli dopo tre mesi di campionato è il senso di “gruppo” dato dalle ragazze della SCS. «Curiosamente, e sfortunatamente, abbiamo dovuto fronteggiare una serie di problemi extra basket: un paio di tamponamenti automobilistici, alcuni denti del giudizio e, ora, i calcoli di cui è stata operata Elena Mistò. Tutte cose che rendono la vita più dura ma che allo stesso tempo fortificano la squadra e danno maggiore responsabilità alle giocatrici: ero certo che a Lodi avremmo fatto una grande partita, e in particolare è toccato a Francesca Mistò che ha “giocato anche per la sorella”».
Quest’anno la SCS gioca le proprie partite interne a Varese-città dopo i tanti anni trascorsi tra Gazzada Schianno e (per la A2) Azzate. Il campo interno è quello del PalaCusInsubria di via Monte Generoso a Bizzozero, nei pressi del campus universitario: il prossimo appuntamento casalingo con la Serie B è per domenica 15 alle ore 18, quando Visconti e compagne affronteranno Pontevico, una di quelle avversarie che sgomitano a centro gruppo e che, se prese sottogamba, potrebbero riservare cattive sorprese.

SERIE B FEMMINILE – LOMBARDIA
CLASSIFICA (dopo 12 giornate): VARESE, Lodi 22; Bresso, Costa Masnaga, Giussano 18; Pontevico, Villasanta, Bfm Milano 14; Mariano, Stars Milano, Vittuone 10; Canegrate, Brescia 6; Usmate, QSA Milano 4; Sanga 0.

di damiano.franzetti@varesenews.it
Pubblicato il 09 dicembre 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore