Freeriders sull’Appennino Emiliano per la prima tappa del tour 2020

L'organizzazione varesina che insegna ai disabili a sciare dà il via alla serie di weekend sulle nevi: il primo appuntamento è in collaborazione con l'Associazione Spina Bifida Italia

freerider ski tour

Testati i materiali e riscaldato lo staff nel prologo del dicembre scorso a Madonna di Campiglio, l’associazione varesina Freerider Sport Events è partita per l’Appennino Emiliano dove da oggi (giovedì 9) a domenica 12 libererà i monosci sulla neve di Sestola, al servizio dei ragazzi dell’Associazione Spina Bifida Italia, nell’ambito del progetto “Fun & Sport” per il quale la realtà presieduta da Maria Cristina Dieci ha in svolgimento la campagna di raccolta fondi legata al bando Oso Vodafone.

«Iniziamo di fatto la nuova stagione con il tradizionale appuntamento dedicato ai giovani con spina bifida – dice il coordinatore tecnico dei Freerider Nicola Busata – L’impegno più grande di queste ultime settimane è stato quello di far fronte alla richiesta di partecipazione andata ancora una volta oltre i limiti delle nostre possibilità. Quest’anno più degli altri anni a causa dal doppio appuntamento riservato a persone con disabilità di diversi Paesi europei che se da una parte toglie posti a ragazzi di casa nostra dall’altra ci apre una strada importante verso progetti di respiro internazionale».

Il patrocino di Regione Lombardia è l’ultimo riconoscimento di prestigio in ordine di tempo ad un impegno arrivato al traguardo del 17° anno di attività. «La considerazione della Regione nelle persone dell’assessora Martina Cambiaghi e del direttore giovani e sport Simone Rasetti è davvero un grande orgoglio per l’intera famiglia Freerider perché di famiglia si tratta – continua Busata – Come succede da oltre undici anni con il Centro Addestramento Alpino di Moena della Polizia di Stato, anche per Regione Lombardia vogliamo essere una risorsa in termini di esperienza e conoscenza relative a temi come l’insegnamento dello sci da seduti, la formazione degli operatori e l’accessibilità su piste e impianti al pari di quella alberghiera».

Da Sestola la carovana dei Freerider si muoverà verso Roccaraso dove si fermerà dal 17 al 19 gennaio. Poi il rientro in Lombardia sulla neve del Tonale, dal 23 al 25 gennaio. Febbraio sarà il mese dedicato all’Europa con l’intera settimana dal 3 al 9 a Folgaria. Tre gli appuntamenti in marzo: dal 6 all’8 all’Abetone, dal 19 al 22 a Canazei e dal 27 al 29 a Bormio con la gara integrata Winter Teleflex Cup e la grande festa sul piazzale di Bormio 2000. Per il gran finale la sede fissa è la stessa di quella di partenza a Madonna di Campiglio dal 7 al 9 aprile. Per informazioni è disponibile il sito ufficiale: www.monosci.it.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 09 gennaio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore