Matteo Della Bordella nuovo “ambasciatore” di Vibram

Il forte alpinista varesino farà parte del gruppo di atleti supportati direttamente dall'azienda specializzata in suole. «Portiamo in tutto il mondo un pezzetto della nostra terra d'origine»

matteo della bordella vibram alpinismo

Accordo tutto varesotto quello – commerciale – che da oggi lega una delle aziende storiche della nostra provincia, la Vibram, con Matteo Della Bordella, alpinista tra i più forti e conosciuti della sua generazione.

35 anni, presidente dei celebri “Ragni di Lecco”, votato migliore italiano nel 2015, Della Bordella è alpinista particolare: poco avvezzo alle altitudini e alle vie himalayane, Matteo è invece grande specialista nelle spedizioni che richiamano le avventure di un tempo. Lunghi tragitti di avvicinamento alle pareti e sfide a “muri” verticali poco battuti (e talvolta mai esplorati) come quelli affrontati in Patagonia, una delle sue mete preferite. Ultimamente comunque, Della Bordella ha avuto modo di misurarsi con spedizioni nell’Himalaya indiano e nel Pakistan.

Dopo anni di collaborazione in qualità di tester di nuovi prodotti, ora Della Bordella è diventato ufficialmente ambasciatore di Vibram, azienda leader nel settore delle suole in gomma che ha base ad Albizzate e farà parte del team di atleti legato al marchio.

«Sono felice di iniziare questa collaborazione. Ho subito percepito un sincero interesse da parte dell’azienda nel mio modo di andare in montagna e la volontà di supportarmi tramite prodotti e tecnologie sempre all’avanguardia. Penso anche che tra me e Vibram ci sia una condivisione di valori e di filosofia nel vivere la montagna, intesa come esplorazione, sfida, avventura, ma anche divertimento con i propri compagni, sempre nel rispetto dell’ambiente che ci circonda».

«Vibram è una vera e proprio eccellenza a livello mondiale del territorio varesino dove sono nato e cresciuto, e poter portare un pezzettino della terra a cui sono più legato sulle montagne di tutto il mondo, è qualcosa che mi rende orgoglioso» ha concluso lo scalatore nato nel 1984.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 24 gennaio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore