Fiamme nella notte nei boschi tra Leggiuno e Monvalle

Immediate sono scattate le operazioni di spegnimento che hanno coinvolto uomini e mezzi a terra e poi, con le prime luci del giorno, anche i mezzi aerei

Incendi a Monvalle

L’allerta è scattata alle due di notte tra venerdì 28 e sabato 29 febbraio: un incendio boschivo ha interessato a Leggiuno la zona del colle che divide il paese dal territorio comunale di Monvalle.

Galleria fotografica

Incendi a Monvalle 4 di 6

Immediate sono scattate le operazioni di spegnimento che hanno coinvolto uomini e mezzi a terra dei vigili del fuoco e dei volontari dell’antincendio boschivo e poi, con le prime luci del giorno, anche i mezzi aerei. Un elicottero dell’antincendio ha operato per spegnere gli ultimi focali mentre da terra partiranno le operazioni le procedura di bonifica.

Quattromila metri quadrati di aerea boschiva sono stati interessati dalle fiamme.

L’allerta incendi in questi giorni è altissima in tutto il Varesotto. Il protrarsi di un clima siccitoso e il vento hanno già provocato diversi episodi di incendio molto estesi. Alcune grosse operazioni di spegnimento hanno interessato la zona di Sesto calende a Lentate e l’area boschiva di Somma Lombardo.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 29 febbraio 2020
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Incendi a Monvalle 4 di 6

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Francesca Marchisella

    Buongiorno gli incendi boschivi,non si alimentano da soli,non ci sono 40745°
    Cè sempre la mano di qualcuno.

    1. Scritto da Felice

      E’ l’Italia…dove i boschi sono diventati la casa di spacciatori e prostitute e dove la popolazione è troppo occupata nella ricerca giornaliera di droga.
      C’è da fare un pesante reset a questo paese. E’ diventato tutto uno schifo.

Segnala Errore