Un campo da calcio in Congo rinasce grazie alla squadra di Casbeno

Il ricavato dell’apericena organizzata a Natale dalla squadra di calcio della parrocchia finanzierà la sistemazione del campo da gioco per i bambini

Un campo da Calcio in Congo

Succede che un gruppo di ragazzi con la passione per il calcio non dimentica chi è più sfortunato. Succede che il lunedì si trova ad aiutare alla mensa dei poveri e succede che per Natale raccoglie l’invito ad organizzare una raccolta fondi per sistemare un campo da calcio lontano, anzi lontanissimo, su un altopiano in Congo vicino a Kinshasa.

Galleria fotografica

Un campo da Calcio in Congo 4 di 4

Tutto questo succede alla parrocchia di Casbeno grazie Carlo e Daniele Banchi e Vittorio Meschini, un tempo ragazzi con la passione per il calcio, che da anni si impegnano a sostenere le attività delle Suore Missionarie di San Giuseppe in Congo costruendo pozzi per la raccolta dell’acqua, un’infermeria che nel tempo è diventata un piccolo ospedale e tante attività per la scolarizzazione dei bambini.

In occasione dello scorso Natale il presidente OSVI Luigi Bosoni, il mister Raffaele Bifulco, i ragazzi della squadra di calcio insieme ai genitori hanno organizzato un’apericena e raccolto oltre 2000 Euro che sono stati consegnati ufficialmente ieri sera e voleranno in Africa per sistemare un campo da calcio nella missione della Consolata di Ngafula.

Un momento di festa si è così trasformato in qualcosa di concreto che porterà il gioco del calcio e un luogo di aggregazione importantissimo per quei bambini tanto lontani da Casbeno.

La storia nella storia ci riporta agli anni Cinquanta quando la famiglia Banchi di Luvinate si trasferisce in Congo perché il padre falegname ha trovato lavoro proprio in quel paese. Sono anni spensierati finché nel 1960 nel paese scoppia la guerra di indipendenza dal Belgio. Nel giro di pochi giorni la famiglia Bianchi, come molti altri stranieri, è costretta a fuggire e tornare in Italia. Carlo e Daniele, nati e cresciuti in Congo, hanno ricordi chiari di quella fretta e della paura che si percepiva. Per moltissimi anni non torneranno più nelle terra dove sono nati finché il destino li fa incrociare con il progetto di gemellaggio scolastico tra la scuola di Luvinate e una scuola del quartiere Limete a Kinshasa dove avevano vissuto. Una coincidenza che si trasforma nell’opportunità di ritornare in quella terra e iniziare una importante attività per finanziare e sostenere la salute e la scolarizzazione dei bambini, di cui il campo di Calcio realizzato grazie all’impegno dei ragazzi di Casbeno entra a far parte a pieno titolo.

di erika@varesenews.it
Pubblicato il 14 febbraio 2020
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Un campo da Calcio in Congo 4 di 4

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore