Self-service di fiori e libri per riempire tempo e case dei cittadini

Due originali distributori spuntano nel centro storico di Cunardo per rallegrare gli abitanti e offrire un diversivo ammazzatempo di qualità

Generico 2018

Due originali distributori spuntano nel centro storico di Cunardo per rallegrare gli abitanti e offrire un diversivo ammazzatempo di qualità.

Nascono pressoché in simultanea due iniziative mosse dallo medesimo scopo: quello di rendere meno pesante dal punto di vista psicologico la lunga, obbligata, permanenza fra le mura di casa che tutti gli italiani stanno sperimentando. “Spuntano” così in via Garibaldi a Cunardo due simpatici distributori, uno  di fiori e l’altro di libri.

Il primo, frutto di un’idea della fiorista Beatrice Panzi del negozio L’isola Fiorita, è un mastello ricolmo di coloratissime primule e fiori recisi accompagnati da un cartello: “Se ti trovi a passare di qui ho lasciato dei fiori per tirar su un po’ il morale in questo difficile momento. Puoi prenderne uno lasciando in ordine”. L’iniziativa “Un fiore condiviso” fa subito il giro dei social e tempo poche ore i fiori sono tutti nelle loro nuove dimore, a rallegrare chi ci abita. “C’erano primule e fiori recisi, dopo poche ore era rimasto solo un ramo di mimosa” racconta Beatrice “E contemporaneamente al venire meno dei fiori cominciavano ad arrivare dei messaggi di ringraziamento”.

Generico 2018

Il simpatico distributore è stato posizionato nello spazio coperto antistante la biblioteca, accanto al suo simile: il dispenser di libri. Come si legge sulla pagina Facebook Biblioteca Cunardo  “C’è un libro per te, leggi e condividi! La Biblioteca comunale è chiusa ma da oggi a Cunardo è aperta la biblioteca condivisa. Si può prendere un libro o portarne altri ancora. Le persone sono ferme e allora facciamo circolare le buone letture! Grazie al Sindaco e alla Presidente per l’idea e l’allestimento”.

Colori, parole e solidarietà nell’ennesimo esempio di coesione sociale in questi giorni di emergenza in cui ognuno, a proprio modo, inventa diversivi per sé e la comunità.

di
Pubblicato il 19 marzo 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore