Quantcast

Notte brava alle fornaci di Castelveccana, 21 denunciati

I ragazzi provenienti dalla “bassa“, tutti ventenni, identificati dai carabinieri per occupazione illegale

Blitz dei carabinieri alle fornaci

Sveglia coi carabinieri domenica mattina alle fornaci di Caldè, frazione a lago di Castelveccana: una ventina di giovanissimi sono stati identificati e denunciati dai militari della locale stazione e dei colleghi della Compagnia di Luino per invasione e occupazione di edifici: avevano passato la notte in quel fondo privato.

Galleria fotografica

Blitz dei carabinieri alle fornaci 4 di 7

Si tratta di un reato perseguibile con querela di parte – il proprietario del fondo o dell’immobile – fatta eccezione per i casi in cui a compierlo sono più di cinque persone, quando si procede d’ufficio.

Proprio come è andata lo scorso weekend quando alcuni giovanissimi – 21 per la precisione – sono stati trovati all’interno del grande complesso oramai riconducibile all’archeologia industriale dove un tempo si produceva calce.

Oggi quel grande opificio a picco sul lago è chiuso al pubblico e di proprietà di un’immobiliare con sede a Roma.

L’accesso alle strutture, tra cui una piattaforma nota per tuffi nelle acqeue del lago dove l’anno scorso trovò la morte un quindicenne del Togo, è chiusa da una recinzione con lucchetti, che i carabinieri arrivati sul posto non hanno trovato. 

A dare l’allarme i residenti della zona che hanno notato uno strano viavai a cui sono abituati quando qualcosa sta accadendo alle Fornaci.

I giovani, tutti “classe“ 1999, 2000, 2002 sono originari di Canegrate, Legnano, Nerviano, Tradate e altri centri fra Basso Varesotto e Milanese.

Martedì scorso si è tenuta una riunione operativa fra il sindaco del paese e i carabinieri per fare il punto sulla sicurezza di quel luogo, spesso meta di tuffi proibiti o feste, o ritrovi di dubbia natura proprio come quello avvenuto nell’agosto 2019 quando secondo gli organizzatori l’appuntamento era volto alla pulizia del posto, mentre per i carabinieri era un principio di rave. Anche in questo caso identificazione e denuncia degli organizzatori.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 18 Giugno 2020
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Blitz dei carabinieri alle fornaci 4 di 7

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Antonio Chiaro

    Presumo tutti Italiani? perchè la bene emerita con lo stesso articolo non interviene in tutti i casi ( ad esempio case occopate o ricoveri in fabbriche dismesse dove vivono gli irregolari stranieri) poveri noi Italiani.

Segnala Errore