Quantcast

Quarantenne arrestato per atti persecutori mentre aspettava la nipote fuori da scuola

La madre dopo aver visto il fratello fuori da scuola aveva subito avvisato gli insegnanti della figlia chiedendo che la minore non venisse fatta uscire

Polizia

Gli agenti di polizia della squadra Mobile di Varese hanno tratto in arresto un quarantenne italiano, per il reato di atti persecutori ai danni della sorella e della nipote quindicenne.

Le manette sono scattate nella giornata di giovedì 24 settembre dopo che gli agenti hanno ricostruito una serie di comportamenti che si sono ripetuti fin dallo scorso giugno. La situazione è precipitata quando nella mattinata di ieri la donna, recatasi a scuola a prendere la figlia, ha notato la presenza del fratello presso il cancello dell’istituto, in palese attesa della nipote.

Spaventata per le eventuali conseguenze, la signora ha subito avvisato gli insegnanti della figlia chiedendo che la minore non venisse fatta uscire e ha chiesto aiuto al suo ex compagno, il quale ha immediatamente avvisato gli agenti della Squadra Mobile.

Il quarantenne è stato trovato dalla polizia ancora nei pressi della vettura della sorella, che si era chiusa dentro con il figlio minore, ed è stato tratto in arresto in flagranza di reato, per il reato di atti persecutori.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 25 Settembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore