Quantcast

Uil Fpl: “Infermieri, eroi già dimenticati”

Presidio davanti all'ospedale Multimedica di Castellanza, organizzato dai sindacati di categoria, per protestare contro il mancato rinnovo del contratto della sanità privata

Sanità privata

Al presidio davanti all’ospedale Multimedica di Castellanza, nella giornata di sciopero organizzata dai sindacati di categoria, per protestare contro il mancato rinnovo del contratto della sanità privata, erano presenti tanti lavoratori e anche alcuni cittadini che hanno manifestato loro aperta solidarietà. «Siamo soddisfatti per il riscontro ottenuto – dice Lorenzo Raia, segretario generale Uil Fpl – continueremo a lottare fino alla sottoscrizione del contratto perché i lavoratori hanno bisogno di un contratto nazionale che li equipari ai loro colleghi. La marcia indietro di Aris e Aiop dopo tre anni di trattative ha innescato la lotta, con presidi a Montecitorio, alla prefettura di Varese e davanti alla sede di Confindustria di Busto Arsizio.»

Gli fa eco Gianluca Signorelli, rsu di Uil Fpl, che durante la mattinata ha sottolinea: «Non è possibile che gli infermieri vengano considerati eroi per un giorno, per poi essere dimenticati dopo l’emergenza. Bonomi deve firmare i contratti già scaduti prima di parlare di nuove contrattazioni».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 16 settembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore