ascolta le notizie del giorno

“In arrivo altri vaccini contro l’influenza. Basteranno per il 70% del target”

Con l'arrivo di altre 500.000 dosi a metà dicembre, la fornitura globale dovrebbe assicurare una copertura solo leggermente inferiore al target previsto. La campagna vaccinale proseguirà sino a inizio gennaio

Vaccinazioni

« Arriveranno nuove dosi di vaccino antinfluenzale e si potrà vaccinare sino al 70% del target indicato». La rassicurazione arriva dalla dottoressa Annalisa Donadini Dirigente Medicina di Comunità di Ats Insubria rispondendo alle denunce dei medici di base che lamentano la mancanza di dosi.

La campagna vaccinale, iniziata lo scorso 25 ottobre per i soggetti fragili, proseguita con i pazienti cronici nelle asst dalla metà di questo mese, nei giorni scorsi è partita anche con la fascia over 65 anni.

I vaccini, però, stanno arrivando alla spicciolata, con piccoli quantitativi che, se da una parte permettono lo scaglionamento previsto dalle misure del distanziamento, dall’altra complicano le agende dei medici di medicina generale coinvolti. Proprio la scorsa settimana, ritenendo che arrivasse la fornitura adeguata, i medici si erano attrezzati per avviare le sedute per gli assistiti. A inizio, settimana, però, una email di Ats Insubria annunciava la mancanza di vaccini e l’indufficienza complessiva per assicurare copertura a tutti i soggetti previsti dalla campagna. Secondo il dottor Daniele Ponti, segretario provinciale della FIMMG, le dosi serviranno coprire al massimo il 55% dei pazienti mentre Ats Insubria assicura che a metà dicembre arriveranno altri vaccini, circa 500.000 in Lombardia, in grado di raggiungere la quota del 70%, leggermente più bassa del target individuato che è del 75%.

Per garantire il più possibile ai richiedenti, Ats Insubria ha avviato anche una ricognizione tra i medici di base chiedendo di conteggiare esattamente le dosi utilizzate così da ridistribuire, eventualmente, vaccini eccedenti. Quasi sicuramente rimarranno fuori dalla campagna circa 100.000 persone tra i 60 e i 64 anni ricomprese inizialmente tra le fasce protette: « Andremo avanti per tutto dicembre e sino a inizio gennaio – ha assicurato la dottoressa Donadini.- non verrà sprecata nemmeno una dose».

di
Pubblicato il 27 Novembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.