Due rapine in treno a Gavirate e Gemonio, arrestato un 24enne

In ragazzo è ritenuto responsabile delle aggressioni avvenute a metà gennaio. I militari hanno ritrovato i due telefoni rubati nella sua abitazione

carabinieri controlli 2021

Prima il 14 di gennaio a Gavirate con un giovane preso a calci in faccia mentre scendeva dal treno: il suo cellulare aveva preso il volo, sottratto da un quasi coetaneo di origini nordafricane, come riportato nella denuncia che il ragazzo aveva sporto ai carabinieri.

Due giorni dopo, il 16, un sabato, stessa sorte toccata a una giovane, soccorsa dai carabinieri di Cuvio e da una ambulanza dopo la rapina avvenuta ancora in treno sulla tratta Milano-Laveno con modalità simili a quella di Gavirate. La ragazza aveva chiamato i soccorsi dopo essere scesa alla propria stazione di arrivo, quella di Gemonio. Due episodi a seguito dei quali la macchina delle indagini si è messa all’opera e ha coinvolto due compagnie di militari, quella di Varese e quella di Luino.

Alla fine l’uomo accusato di rapina, 24 anni, nordafricano, è stato arrestato. I carabinieri di Varese si sono recati difatti nei giorni scorsi presso l’abitazione in cui era domiciliato nel capoluogo poiché non aveva ottemperato un obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria (il cosiddetto “obbligo di firma”). I militari gli hanno trovato i due cellulari e sono scattate le manette.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 02 Febbraio 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Felice

    A furia di aprire le porte a tutti ci siamo ridotti a doverci noi stessi chiudere in casa sbarrando la nostra di porta. Veniamo derubati, pestati e violentati appena mettiamo fuori il piede di casa, complice una società che ha abdicato al ruolo educativo e ad uno Stato che ha rinunciato al controllo del territorio.
    Abbiamo persone che non potrebbero nemmeno risiedere sul suolo italiano che circolano liberamente. E ve lo sta dicendo uno di sinistra.
    E se qualcuno protesta o fa presente qualcosa con le buone maniere si organizzano raid punitivi per fargliela pagare…anche tra giovanissimi : https://milano.repubblica.it/cronaca/2021/02/02/news/baby_gang_paderno_dugnano_didattica_a_distanza_carabinieri_denunciano_minorenni-285612544/

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.