A novembre i decessi nel Varesotto sono cresciuti del 117% durante la seconda ondata del Covid

Basta questo dato, incontrovertibile e certificato, a fugare ogni dubbio sul fatto che gli effetti della pandemia sul nostro territorio siano stati devastanti

mortalità

Sono impressionanti i dati diffusi da Istat: in provincia di Varese lo scorso novembre sono morte 1605 persone, ovvero il 117% in più rispetto alla media dei decessi registrati in quel mese nel quinquennio precedente. Basta questo dato, incontrovertibile e certificato, a fugare ogni dubbio sul fatto che gli effetti della pandemia sul nostro territorio siano stati devastanti. In questo caso non stiamo parlando dei soli decessi attribuiti al Covid19 ma della totalità delle persone che hanno perso la vita nel 2020 confrontata con la media dei decessi degli anni precedenti.

Balza subito agli occhi come in corrispondenza con la prima e la seconda ondata dei contagi si sia registrato un incremento della mortalità complessiva con un picco del +76% nella prima ondata ad aprile e del 117% nella seconda a novembre, per un aumento complessivo sull’intero anno del 12%.

E si tratta per ora dei dati relativi al solo periodo compreso fra gennaio e novembre, poiché quelli di dicembre devono essere ancora certificati dall’Istituto nazionale di statistica.

Sono numeri che raccontano da soli quale sia stato l’impatto della pandemia, soprattutto tra le fasce più deboli della popolazione. Un impatto che ha coinvolto la stragrande maggioranza dei comuni del Varesotto. Tra questi ce ne sono 118 che hanno visto aumentare i decessi rispetto alla media degli anni precedenti, 40 comuni di oltre il 50%. Ecco nel dettaglio la variazione percentuale dei decessi nei comuni della provincia (Ricordiamo che il confronto è solo del periodo gennaio-novembre tra la media dei decessi registrati tra il 2015 e il 2019 e quelli del 2020).

Quanti sono i decessi per Covid?

I dati rappresentati fino ad ora riguardano il numero complessivo di morti registrato fino a novembre dello scorso anno per qualunque causa di morte. È un numero che è stato già certificato da Istat e che ci racconta di una grandissima anomalia nella quantità di decessi registrata proprio nell’anno della pandemia.

Capire quanti di questi morti siano stati contati tra i decessi per Covid è troppo prematuro, soprattutto perché non sono ancora stati diffusi dati sui defunti per data di morte, un elemento importante per poter fare un confronto preciso con i dati complessivi della mortalità.

Ad oggi sappiamo che alla fine del 2020, in provincia di Varese, erano stati comunicati in totale 1832 decessi attribuiti al Covid (ovvero cittadini per i quali, a prescindere dalle patologie pregresse, la malattia Covid19 sia stata identificata come la principale causa del decesso). Questi dati vengono trasmessi giornalmente dalla regione Lombardia ma attraverso comunicazioni che scontano forti ritardi rispetto alla data reale del decesso. In questo grafico abbiamo raccolto comunque i dati di queste comunicazioni che rendono l’idea del loro andamento durante la seconda ondata.

Tomaso Bassani
tomaso.bassani@varesenews.it

Mi piace pensare VareseNews contribuisca ad unire i puntini di quello straordinario racconto collettivo che è la vita della nostra comunità. Se vuoi sentirti parte di tutto questo sostienici.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 04 Febbraio 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.