Tentata truffa per percepire il reddito di cittadinanza, arrestato

E stato sorpreso con i documenti falsi mentre tentava di riscuotere la tessera destinata ai percettori di reddito di cittadinanza inPosta a Venegono Inferiore

carabinieri legnano

Sorpreso con i documenti falsi mentre tenta di riscuotere la tessera destinata ai percettori di reddito di cittadinanza inPosta a Venegono Inferiore.

I carabinieri di Tradate hanno bloccato il tentativo di truffa, arrestando un uomo di vent’anni di origini romene, domiciliato a Milano, con l’accusa di tentata truffa ai danni dello Stato.

Alcuni dipendenti insospettiti dall’atteggiamento dell’uomo hanno chiamato i carabinieri che in breve tempo, dopo alcuni sviluppi investigativi sotto il coordinamento della Procura di Varese, hanno verificato la falsità dei documenti in possesso dell’uomo e lo hanno arrestato.

Se la truffa fosse andata a buon fine avrebbe fruttato al ventenne circa 1500 euro, ossia la somma che l’INPS aveva riconosciuto sulla scorta delle dichiarazioni fornite in sede di richiesta del reddito di cittadinanza. Documentazione anche questa che sarà acquisita e vagliata dai carabinieri.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 06 Febbraio 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.