Varese News

Aggredì un controllore sulla linea E di Varese, condannata a risarcire

I fatti risalgono al 2016: la donna aveva spintonato e aggredito il personale. È stata condannata e per non finire agli arresti dovrà pagare la somma

autolinee varesine

Spintonò un controllore sul pullman, per fuggire dopo che era stata beccata senza biglietto: per questo episodio una donna di Varese è stata condannata a sei mesi di reclusione e a un risarcimento di 500 euro.

I fatti risalgono al 2016: nell’occasione, il verificatore salì a bordo di un autobus della linea urbana E nei pressi di Masnago, in direzione centro/Bizzozero. Una signora venne sorpresa con un biglietto abbondantemente scaduto: la stessa, però, si era rifiutata di fornire i documenti per l’identificazione necessaria ai fini del verbale di accertamento.

Quando l’autobus era arrivato alla fermata di fronte al supermercato di via Sanvito Silvestro, la donna in questione aveva spinto violentemente il verificatore contro la porta, per poter così scendere dal mezzo e guadagnarsi la fura. L’aggressione, verbale e soprattutto fisica, era poi proseguita anche in strada, tanto da richiamare l’attenzione anche di un vicino negoziante che è poi intervenuto come testimone nel corso del dibattimento processuale.

Per il controllore, alcuni giorni di prognosi fortunatamente senza gravi conseguenze; per la signora, prontamente identificata grazie al rapidissimo intervento delle Forze dell’Ordine, si rese inevitabile la denuncia e il conseguente processo, che si è concluso settimana scorsa con la condanna a sei mesi di reclusione oltre al pagamento delle spese legali e ad un risarcimento pecuniario di 500 Euro, con la sospensione della pena detentiva condizionata proprio all’effettivo pagamento del risarcimento.

«La giustizia fa sempre il suo corso» commentano da Autolinee Varesine, dove è notevole la soddisfazione per una sentenza che ribadisce come «qualsivoglia forma di resistenza o aggressione al nostro personale di guida e di controlleria è sempre e comunque punita a norma di Legge. Con l’occasione, ringraziamo sinceramente le Forze dell’Ordine per la loro fondamentale collaborazione».

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 08 Marzo 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da carlo196

    Bene che la giustizia abbia fatto il suo corso, ma 4/5 anni per averla in un caso diciamo semplice, mi paiono eccessivi. Questo era da concludere con una udienza nel giro di pochi giorni.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.