Ritrovato il bimbo scomparso nel Mugello

La notizia confermata dalla prefettura di Firenze dopo una notte di ricerche senza esito. Il sindaco del paese: “Il piccolo sta bene"

Generica 2020

Nicola, il bimbo di due anni scomparso a Palazzuolo sul Senio nella zona del Mugello è stato ritrovato vivo mercoledì mattina.

Lo comunica la prefettura di Firenze.

Il sindaco del paese dove il bambino vive con i genitori e il fratellino ha affermato che «il piccolo sta bene».

L’allarme era scattato martedì mattina quando i genitori si sono accorti che il letto dove Nicola dormiva, in un casolare isolato, era vuoto.

Subito sono partite le battute nei boschi che circondano la zona con cani molecolari e soccorritori, oltre che con droni ed elicotteri dei vigili del fuoco che hanno setacciato la cona zona con sofisticate strumentazioni.

Le ricerche, senza esito fino all’alba di oggi, hanno dato esito positivo attorno alle 9.30.

Secondo il Soccorso Alpino il bimbo è stato trovato ad una distanza di circa 3 chilometri dalla sua abitazione «da un civile» che ha avvisato i soccorsi: i medici del Cnsas hanno visitato Nicola, che è stato portato in salvo.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 23 Giugno 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.