Spara all’ex collega di lavoro a Castiglione Olona, 66enne ferito all’addome

È successo in un locale in via Volta, vicino alla chiesa e al cimitero, intorno alle 13.30. Ferito Luigi Costetti detto Smith, storico parrucchiere del paese

Sparatoria a Castiglione Olona, intorno alle 13.30 di giovedì 29 luglio. È successo in un esercizio pubblico in via Alessandro Volta, nei dintorni della chiesa nuova e del cimitero

Galleria fotografica

Sparatoria a Castiglione Olona 4 di 10

Un uomo di 66 anni, Luigi Costetti detto Smith, storico parrucchiere del paese, è rimasto ferito da almeno un colpo di arma da fuoco.

Sul posto sono intervenuti ambulanza e automedica del 118, per soccorrere l’uomo che è stato colpito all’addome e trasportato d’urgenza in ospedale: non sarebbe in pericolo di vita.

Sul posto anche i carabinieri della Compagnia di Saronno, per le indagini. L’uomo che ha esploso i colpi, Nino Zedda, classe 1948, ha sparato con una pistola di grosso calibro nascosta in un sacchetto da una distanza di circa 4 metri: è stato arrestato e portato via dai militari.

Sparatoria a Castiglione Olona
la pistola sequestrata dai carabinieri

Zedda, descritto come solitario e suscettibile, in passato aveva lavorato assieme a Costetti: probabile che alla base del gesto ci siano vecchi dissidi, ma saranno le indagini di inquirenti ed investigatori a chiarire le circostanze.

Sparatoria a Castiglione Olona

Sul posto è arrivato anche il sindaco di Castiglione Olona Giancarlo Frigeri che si è accertato di come sono andati i fatti e si è detto sorpreso e sconcertato. Anche il genero del ferito, marito della figlia, è arrivato sul posto della sparatoria per sincerarsi delle condizioni del suocero.

I militari hanno compiuto per tutto il pomeriggio rilievi sul posto dove è avvenuta la sparatoria.

Secondo una prima dinamica Zedda sarebbe arrivato in via Volta, all’altezza della latteria e ha parcheggiato poco distante la sua Lancia Y per poi raggiungere il locale e fare fuoco con un grosso revolver, una calibro “10.40“ e risalente alla Prima guerra mondiale.

Un solo colpo che ha raggiunto l’ex collega fra l’inguine e l’addome. In quel momento nell’esercizio erano presenti due muratori che hanno fermato e disarmato lo Zedda per chiamare subito dopo il 112, arrivato con automedica e ambulanza: il ferito parlava ai sanitari, era cosciente ed è stato portato al pronto soccorso dell’ospedale di Varese in codice rosso.

Nel tamburo del potente revolver erano presenti anche altri colpi, come risulta da una rapida valutazione da parte dei carabinieri.

Molti fra i residenti di Castiglione Olona hanno rallentato con l’auto passando davanti alla latteria – poi chiusa nel pomeriggio – con le forze dell’ordine arrivate in numero considerevole fra carabinieri della compagnia di Saronno e polizia locale.

Ma in pochi, di quanti sono arrivati in via Volta, si sono detti particolarmente stupiti per l’accaduto.

I dissapori fra i due erano noti e sembra che affondassero le radici nel periodo in cui entrambi lavoravano presso un barbiere del paese.

 

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 29 Luglio 2021
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Sparatoria a Castiglione Olona 4 di 10

Video

Spara all’ex collega di lavoro a Castiglione Olona, 66enne ferito all’addome 1 di 1

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.