Guida ubriaco ma i carabinieri non lo avvisano dei suoi diritti: assolto a Varese

La sentenza del tribunale monocratico. L’uomo, un quarantenne del Lavenese difeso dall’avvocato Andrea Pellicini

etilometro controlli

Era arrivato in ospedale più che alticcio con effettivamente parecchio alcool nel corpo, ben in troppo del consentito, ma è stato oggi assolto in tribunale per via di un vizio formale, che per questo caso specifico diventa però sostanziale.

Ubriaco alla guida, “ma per l’esame del sangue doveva poter chiamare il suo avvocato”: processo a Varese

Martedì mattina infatti il tribunale di Varese, col giudice monocratico dottor Andrea Crema, ha assolto un imputato di guida in stato di ebbrezza (un quarantenne al momento dei fatti residente nel Lavenese), accogliendo le conclusioni del difensore avvocato Andrea Pellicini che aveva eccepito «l’inutilizzabilità dell’accertamento dell’alcolemia tramite esame ematico in ospedale su richiesta della polizia giudiziaria, per mancato avviso all’indagato della facoltà di avvisare il proprio difensore invitandolo ad intervenire al prefetto accertamento».

L’imputato, nonostante l’esame ematico positivo, è stato quindi assolto con la formula “perché il fatto non sussiste”. I risultati dell’esame sono stato infatti ritenuti inutilizzabili.

di
Pubblicato il 17 Maggio 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.