In aumento le compravendite di immobili sui laghi ma è la zona industriale di Saronno a spuntare i prezzi più alti

Presentati a Villa Recalcati i dati di "Fiaip-monitora- l'andamento del mercato immobiliare nella provincia di Varese". Le compravendite calano del 7,22% con l'unica eccezione delle zone di pregio paesaggistico

In provincia di Varese le compravendite di immobili calano del 7,22%. L’unica eccezione e dunque in controtendenza, rispetto ad altri territori della provincia, è la zona dei laghi con un numero di rogiti in deciso aumento (+3,5% ).
Quello del Varesotto è un mercato immobiliare in cerca di una stabilizzazione dopo l’euforia post Covid e comunque decisamente migliore se paragonato a quello nazionale che fa registrare un calo medio delle compravendite pari al 14, 6%.
Sul fronte dei prezzi, tengono le quotazioni medie degli immobili che fanno registrare un +0,44% nel primo semestre del 2023, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Con un picco più alto nella zona industriale di Saronno che arriva a un lusinghiero +1,89%, un mercato, quello degli immobili nel sud della provincia, che risente della vicinanza dell’area metropolitana.

L’OSSERVATORIO FIAIP

È questa la fotografia del mercato immobiliare del territorio presentata nella prima edizione di “Fiaip monitora – andamento del mercato immobiliare nella provincia di Varese” l’osservatorio curato dalla Federazione italiana agenti immobiliari professionali che si è tenuto a Villa Recalcati. Lo scopo è fornire agli operatori di mercato e ai consumatori dati e informazioni aggiornate sul mercato immobiliare. A illustrare la ricerca dell’ufficio studi di Fiaip Varese sono stati il presidente provinciale Riccardo Ortiz, il presidente regionale Fiaip Luca Simioni, il past president locale Isabella Tafuro, oltre ai valutatori Antonio D’Avino di Luino, Fabio Bertazzi di Angera, i consiglieri Cristina Lualdi e Raffaella Radaelli.

Fiaip

PREZZI PIÙ CONCORRENZIALI

«I prezzi degli immobili  in provincia di Varese – ha spiegato Riccardo Ortiz presidente provinciale Fiaip – restano più concorrenziali rispetto  a quelli delle province lombarde limitrofe e pertanto focalizzano le attenzioni degli investitori e dei risparmiatori che, complice l’inflazione in costante aumento, sono tornati ad acquistare immobili da mettere a reddito, ovvero per locazioni brevi, per casa vacanza o locazioni tradizionali».
Se nel primo semestre il prezzo medio degli immobili in provincia di Varese era di 1230 euro al metro quadro, nello stesso periodo per Varese capoluogo il prezzo è di 1420 euro al metro quadro. «Questo tipo di acquisti – continua Ortiz – si registrano nei comuni principali e più serviti della provincia e nelle zone di pregio paesaggistico dove si registra un aumento pari al + 3,5% delle transazioni».

LA CASA RIMANE UN BENE RIFUGIO

Il mattone è ancora il bene rifugio preferito dagli italiani come conferma Luca Simioni presidente regionale di Fiaip. «Il mercato immobiliare lombardo – commenta Simioni – ha avvertito un calo fisiologico delle transazioni nella misura di circa il 12% nei primi nove mesi del 2023 e allo stesso tempo si è considerato un aumento dei prezzi. Nei primi mesi del 2023 in Lombardia sono stati venduti 121.242 immobili residenziali. Ls contrazione dei volumi è solo un dato parzialmente negativo perché bilanciato dal biennio precedente che ha visto un rilancio notevole delle transazioni immobiliari».
Oggi si registrano criticità sul lato dell’offerta, ma è chiaro che ci sono condizioni di contesto importanti che al momento non sono determinabili, prima fra tutte il costo del denaro. «Se la Bce decidesse di tagliar i tassi di interesse – conclude Simioni –  si creerebbero le condizioni per tornare a crescere, seppur con un ritmo minore rispetto al biennio 2021-2022».

Michele Mancino
michele.mancino@varesenews.it

Il lettore merita rispetto. Ecco perché racconto i fatti usando un linguaggio democratico, non mi innamoro delle parole, studio tanto e chiedo scusa quando sbaglio.

Pubblicato il 28 Febbraio 2024
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.