Qualificazioni olimpiche: Kohl, De Filippis e Codato (Gavirate) e Verità (Monate) volano a Parigi. Abdica Cesarini

Poker d'assi del Varesotto ai Giochi: il 4 senza di Kohl rispetta il pronostico, imprese degli otto femminile e maschile. Eliminata la regina di Tokyo, quarta nella regata finale

nicholas kohl canottaggio qualificazioni olimpiadi 2024

Poker di qualificazioni olimpiche per il canottaggio del Varesotto. Sono ben quattro gli atleti di casa nostra a centrare il pass per Parigi 2024 all’ultima occasione buona, le regate di Lucerna aperte agli equipaggi che non erano riusciti a guadagnare i Giochi nei Mondiali del 2023. Per tutti e quattro: Nicholas Kohl, Linda De Filippis, Alice Codato (Canottieri Gavirate) e Davide Verità (Canottieri Monate) sarà la prima partecipazione alle Olimpiadi.

I quattro pass odierni vanno ad aggiungersi a quelli già conquistati da Nicolò Carucci, Giovanni Codato (Gavirate) e Gabriel Soares (Marina Militare). L’unica esclusa è quindi la “regina” del nostro canottaggio, Federica Cesarini, oro a Tokyo. Troppo complicata la qualificazione per il suo doppio pesi leggeri che ha dovuto fare i conti con una lunga scia di infortuni che ha pesato sulla preparazione.

Va però ricordata una cosa: nel canottaggio il pass è assegnato all’imbarcazione e non al singolo atleta. Quindi in linea teorica sarà il direttore tecnico a comporre gli equipaggi in gara a Parigi. Di solito le variazioni sono molto limitate ma qualche componente potrebbe cambiare da qui ai Giochi in caso di crolli di forma, infortuni o scelte tecniche. Ecco quindi il resoconto delle barche con atleti del Varesotto a bordo.

QUATTRO SENZA A PARIGI – Subito un grande risultato per la Canottieri Gavirate: Nicholas Kohl, 25 anni nato in Svizzera ma cresciuto nel Varesotto (iniziò a remare a Monate) ha vinto la finale del quattro senza contribuendo a qualificare un’imbarcazione importante per la Nazionale. Insieme a Kohl ci sono infatti tre atleti che sono già saliti sul podio olimpico, ovvero Matteo Lodo, Giuseppe Vicino (bronzo sia a Rio sia a Tokyo sul 4-) e Giovanni Abagnale (bronzo a Rio sul due senza).

Il gaviratese è stato quindi inserito in un equipaggio che sta disputando un’ottima stagione con l’oro in Coppa del Mondo a Varese e l’argento agli Europei di Szeged. Anche a Lucerna l’Italia ha mostrato la sua qualità, comandando la gara da cima a fondo con la Svizzera (qualificata a sua volta) tenuta a distanza e la Germania terza ed eliminata. (foto Perna | Canottaggio.org)

DOPPIO LEGGERO GIU’ DAL TRONO – Non riesce invece il colpo alle campionesse olimpiche uscenti del doppio pesi leggeri. Federica Cesarini e Valentina Rodini sono quarte in una finale che assegnava due pass per i Giochi, posti che vengono presi d’autorità dalla Francia e dalla Grecia. Due barche molto forti che non hanno concesso nulla alle rivali lottando con un largo vantaggio per tutti i 2mila metri.

La bardellese e la cremonese hanno provato ad alzare il numero dei colpi nella seconda metà di regata ma non sono riuscite a superare l’Australia (terza) e anzi hanno dovuto difendere il quarto posto dal ritorno della Svizzera. Troppo alto però il divario con le prime due per sperare in una volata finale: le regine di Tokyo devono abdicare.

GIORNATA STORICA PER L’OTTO FEMMINILE – L’ammiraglia “rosa” della Nazionale fa la storia anche grazie a due atlete varesotte, Alice Codato e Linda De Filippis. L’otto dell’Italia conquista per la prima volta la qualificazione alle Olimpiadi dominando la finale di Lucerna: azzurre subito in vantaggio netto sulle tre barche rivali e quindi in controllo “attivo” nell’ultima parte della regata. Secondo pass per la Danimarca che ha bruciato per pochi centimetri la Cina.

Insieme ad Alice e Linda, entrambe tesserate per la Canottieri Gavirate, hanno remato Giorgia Pelacchi, Alice Gnatta, Aisha Rocek, Silvia Terrazzi, Elisa Mondelli, Veronica Bumbaca con timoniere Emanuele Capponi.

OTTO MASCHILE A PARIGI PER UN CENTESIMO – Incredibile epilogo per l’otto maschile che regala un’altra gioia all’Italia: l’ammiraglia con a bordo Davide Verità di Angera e tesserato per la Canottieri Monate (e per la Marina Militare) conquista il secondo posto alle spalle degli USA superando per un solo centesimo il Canada. Gli azzurri, in ritardo per quasi tutta la regata, piazzano una rimonta e una volata incredibili sorprendendo sulla linea d’arrivo le “giubbe rosse” aggiungendosi così al corposo contingente dell’Italremo a Parigi.

Insieme a Verità, sull’imbarcazione azzurra, hanno remato Matteo Della Valle, Jacopo Frigerio, Emanuele Gaetani, Salvatore Monfrecola, Gennaro Di Mauro, Leonardo Pietra Caprina, Vincenzo Abbagnale con la timoniera Alessandra Faella.

Damiano Franzetti
damiano.franzetti@varesenews.it

VareseNews è da anni una realtà editoriale, culturale e sociale fondamentale per il territorio. Ora hai uno strumento per sostenerci: unisciti alla membership, diventa uno di noi.

Pubblicato il 21 Maggio 2024
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.