Maddalena Vettoretti

  • Vive a Daverio VA

I miei commenti (8)

  1. Mi complimento davvero con tutte/i volontari e responsabili di questa attività. Il mio commento vuole essere un appunto per il futuro, assolutamente non una critica negativa.
    Purtroppo spesso oltre alla mammografia vi è la necessità di effettuare anche un’ecografia (specie per chi ha anche altre patologie) e sarebbe utile e importante che si potesse fare semplicemente con lo stesso appuntamento, pagando il ticket dovuto o allargando lo screening fino a comprendere anche l’ecografia.
    Ho fruito di persona del servizio dello screening e posso esprimermi solo ottimamente sotto tutti gli aspetti ma ho dovuto rivolgermi a centri privati per fare anche l’ecografia in tempi brevi. L’interazione con questi altri centri è stata purtroppo pessima: mi sono presentata con il dischetto dello screening (dopo aver pagato il relativo ticket alla Cassa dell’Ospedale) mi è stato detto che non sapevano che farsene e invitata a rifare la mammografia (!!!) presso di loro per consentire un’analisi più accurata.
    Non è in qualche modo pensabile che per un’utente dello screening si possa aggiungere su richiesta l’ecografia in tempi ragionevoli presso le strutture ospedaliere?
    Poi sto ahimè collezionando casi di amiche che grazie all’ecografia hanno potuto scoprire in fase più iniziale di avere il cancro e hanno avuto più possibilità di guarire bene.

    in Riparte lo screening mammografico: 7mila esami in tre mesi

    7 Febbraio 2021 @ 11:30
  2. Riporto qui il mio commento che mi è erroneamente finito sotto altro articolo più datato:
    Mi complimento davvero con tutte/i volontari e responsabili di questa attività. Il mio commento vuole essere un appunto per il futuro, assolutamente non una critica negativa.
    Purtroppo spesso oltre alla mammografia vi è la necessità di effettuare anche un’ecografia (specie per chi ha anche altre patologie) e sarebbe utile e importante che si potesse fare semplicemente con lo stesso appuntamento, pagando il ticket dovuto o allargando lo screening fino a comprendere anche l’ecografia.
    Ho fruito di persona del servizio dello screening e posso esprimermi solo ottimamente sotto tutti gli aspetti ma ho dovuto rivolgermi a centri privati per fare anche l’ecografia in tempi brevi. L’interazione con questi altri centri è stata purtroppo pessima: mi sono presentata con il dischetto dello screening (dopo aver pagato il relativo ticket alla Cassa dell’Ospedale) mi è stato detto che non sapevano che farsene e invitata a rifare la mammografia (!!!) presso di loro per consentire un’analisi più accurata.
    Non è in qualche modo pensabile che per un’utente dello screening si possa aggiungere su richiesta l’ecografia in tempi ragionevoli presso le strutture ospedaliere?
    Nel mio caso dovrò scegliere la mammografia clinica per poterla fare contestualmente all’ecografia, non perchè penso di essere meglio ascoltata.
    Sto ahimè collezionando casi di amiche che grazie all’ecografia hanno potuto scoprire di avere il cancro in una fase più iniziale e hanno avuto più possibilità di guarire bene.

    in Prima l’accoglienza, poi l’esame: il modello Varese per lo screening mammografico si rafforza “grazie” al Covid

    8 Febbraio 2021 @ 11:42
  3. Vorrei portare la mia solidarietà alla signora Morandi, comunque si sia svolta la dinamica dell’incidente dovrebbe essere d’obbligo essere civili.
    Per la mia esperienza in auto la situazione finisce spesso viziata da pregiudizi sulle auto, più grandi, più manovrabili e perciò in qualche modo ritenute responsabili negli incidenti con biciclette e ciclomotori.
    La volta che uno in bici mi ha tagliato la strada, sbucando fuori all’improvviso fra i piccoli cipressi del marciapiede, mi sono sentita dire di tutto, mancava solo assassina, anche se lui non si era fatto nulla. Comunque per i suoi parenti e amici subito accorsi ero colpevole a priori di aver transitato normalmente per quella strada. Un unico testimone, un signore anziano, mi avvicinò per dirmi sottovoce che non avevo alcuna colpa, aveva visto tutto, questi scalmanati che si buttano fuori e rischiano la vita… ma non se la sentiva di essere citato come testimone. Mi sembrava mio nonno e non ho avuto il coraggio di insistere. E ho dovuto lasciare che fossero i vigili e i periti a dire l’ultima parola.

    in Gli insulti a mia moglie dopo l’incidente: chi ha visto il botto si rivolga alla Polizia Locale

    23 Aprile 2021 @ 16:30
  4. Ottima iniziativa, è stato veramente un incontro dai tanti contenuti positivi, una sorta di dietro le quinte con l’occhio dello scrittore ma anche del lettore, più di due ore di autentico interesse con “un punto di vista nuovo, approfondito e curioso”.
    Da utente della biblioteca devo tanta gratitudine ad Andrea, a lungo bibliotecario a Daverio, che con scelte oculate ha fatto “crescere” la collezione dei gialli. E alla nuova bibliotecaria, Roberta, che da marzo riveste quel ruolo e progetta “chicche” come questa.
    Bravi tutti i relatori, hanno reso da angolature diverse quanto impegno e arte vi sia nei “gialli”, degni a pieno titolo di essere letteratura.

    in “Il bello del giallo”, se ne parla alla biblioteca di Daverio

    1 Maggio 2021 @ 12:43
  5. Grazie Direttore e tutta la Redazione,
    apprezzo e condivido le motivazioni che vi hanno portato a non pubblicare il video.
    Non c’è bisogno che ognuno di noi inorridisca per consentire alla Giustizia di indagare e condannare i colpevoli.
    La pietà per le vittime e i loro parenti non toglie nulla neanche alla notizia.
    Con le immagini che molti media oggi hanno voluto mostrare ormai siamo sempre più vicini a provare l’orrore delle vittime fin dentro le bare. E non è più informazione ma è assecondare la deriva culturale che vuole mostrarci tutto per nasconderci il limite, la ragionevolezza, la pietà che ci fa umani.

    in Tragedia del Mottarone, diffuso il video della telecamera di sorveglianza

    16 Giugno 2021 @ 22:49

Foto dei lettori (0)

Notizie (0)

Lettere (0)

Auguri (0)

Viaggi (0)

Nascite (0)

Matrimoni (0)

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.