Banca Popolare di Bergamo incontra i ragazzi dell’ISIS

Dopo il successo nel Premio Nazionale di Innovazione e Progetto a Lecce, l'istituto bancario ha acquistato alcune azioni del progetto sviluppato dagli alunni castellanzesi

Continuano i riconoscimenti per gli allievi dell’ISIS "Cipriano Facchinetti" di Castellanza: dopo il Premio Nazionale di Innovazione e Progetto conquistato alla competizione nazionale Biz Factory, tenutasi a Lecce dal 15 al 17 giugno, gli studenti della 4° Tecnico delle Industrie Elettroniche hanno ottenuto, sempre con il prodotto Security Four Life, anche il sostegno di Banca Popolare di Bergamo, alla quale è stato presentato oggi il progetto del loro poggiatesta elettronico per autovetture. L’istituto bancario bergamasco ha infatti deciso di acquistare le azioni della neonata società che svilupperà nei prossimi mesi l’innovativo accessorio.
All’incontro erano presenti, per Banca Popolare di Bergamo, Giancarlo Norcini dello staff Coordinamento Retail della Direzione Territoriale Varese Sud, e direttore e vicedirettore della sede di Busto Arsizio, Roberto Ballardini e Giovanni Montalto. La banca bergamasca ha sottolineato, nell’occasione, la "cantierabilità" del progetto, intesa come possibilità di trasferire il modello di intervento ad altri contesti educativi, e capacità di favorire lo svilupparsi di altre attività. L’aspetto fondamentale che lega la scuola e la Banca è la responsabilità comune di trasmettere una visione: entrambi i soggetti, infatti, credono nel valore formativo del programma per aiutare e stimolare i ragazzi a creare una loro personale visione e strategia professionale, supportandoli durante l’intero iter progettuale. Il contributo fornito da UBI Banca con l’acquisto delle azioni consente di avvicinare i giovani al territorio, far comprendere il ruolo dell’economia e delle istituzioni, insegnare la responsabilità di gestione, permettere la pianificazione finanziaria e stimolare le curiosità culturali relative al funzionamento della banca e della borsa.

Il progetto “Impresa in Azione”al quale hanno aderito gli alunni dell’ISIS è proposto da Junior Achievement, società no profit che si focalizza sullo sviluppo di imprenditorialità, innovazione e creatività tra gli studenti delle scuole superiori. “Impresa in azione” è il programma adottato da 38 Paesi europei e patrocinato dalla Commissione Europea come “buona prassi” nell’ambito dell’educazione imprenditoriale per la scuola superiore. In Italia viene sviluppato ogni anno da circa 200 istituti su tutto il territorio nazionale e, grazie al sostegno del Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca, dal 2009 è accreditato nell’Albo della Valorizzazione delle Eccellenze per gli studenti della scuola superiore.
La classe ha realizzato Headrest: il sistema progettato previene e riduce drasticamente i danni provocati dal “colpo di frusta”. Il funzionamento del dispositivo prevede che un sensore di pressione sia posto all’interno del poggiatesta dell’autoveicolo; quando il conducente prende posto sul sedile ed avvia il motore, un segnalatore acustico/luminoso indica l’obbligo di regolazione del poggiatesta.
Gli alunni hanno inoltre realizzato numerose partnership con classi di studenti stranieri attraverso il portale Enterprise Without Borders: ciò ha consentito al tutor del progetto prof.ssa Ornella Pili, di poter ottenere la candidatura come EWB Teacher of the Year al Summit tenutosi a Bruxelles dal 19 al 21 Settembre 2011.
La partecipazione alla competizione ha richiesto la compilazione di un business plan nel quale sono state applicate tutte le competenze professionali di settore tecnologico, come pure di carattere economico aziendale per le quali gli alunni si sono valsi del supporto di Banca Popolare di Bergamo, particolarmente attenta ad affrontare con i giovani tematiche inerenti il risparmio come uso responsabile delle risorse e le problematiche economiche inerenti gli investimenti.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 13 ottobre 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.