A gennaio niente falò di Sant’Antonio: “Inquina troppo”

Decisione comunicata dalla Pro Loco dopo diversi incontri con l’amministrazione comunale e Legambiente: “Non ci sono i tempi per trovare un’altra modalità organizzativa”

Per il 2013 niente falò di Sant’Antonio. Lo hanno deciso l’amministrazione comunale e la Pro Loco cittadina dopo diversi incontri tra le due realtà per capire come affrontare il maxi falò che da diversi anni si organizza a fine gennaio e che nel 2012 aveva attirato più di 2mila persone.
Rituale del fuoco che però non è mai piaciuto a Legambiente perchè secondo l’associazione è troppo inquinante: «Purtroppo non ci sono i tempi per studiare una modalità organizzativa meno inquinante – spiega Angelo Formici della Pro Loco, durante una conferenza stampa organizzata martedì mattina a Tradate insieme al presidente Giuseppe Broggi e ai consiglieri Antonio Restelli, Cecilia Filippini e Francesco Borsari -. Abbiamo quindi deciso si non annullare il falò ma di sospenderlo per il 2013, nel frattempo cercheremo qualche altra soluzione».

Il problema riguarda proprio i bancali che vengono messi a bruciare durante il falò: «Secondo Legambiente non è la grandezza del fuoco a inquinare, ma il peso della legna – prosegue Formici -. Ci hanno proposto di ridurre la legna a 1/30esimo, ovvero usare cento bancali al posto di 3mila, ma non era possibile. Anche realizzarlo con fascine e cassette risulta impraticabile e più dispendioso per la struttura che si deve montare. Per questo siamo arrivati alla decisione di sospenderlo».
Diversi gli incontri nelle ultime settimane tra la Pro Loco e l’amministrazione comunale: «Abbiamo incontrato l’assessore Andrea Botta che ringraziamo per la disponibilità – concludono dalla ProLoco – insieme anche al consigliere comunale Maurizio Alberti e al presidente di Legambiente Antonella Poretti. Vista la situazione vedremo cosa fare. Sulla decisione di sospendere siamo pienamente d’accordo tutti, a noi della ProLoco dispiace perché crediamo ne perda la città. Rimane però confermato il fuoco in programma per la Befana, con la stessa formula dell’anno scorso e nessuna riduzione».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 04 dicembre 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.