Ultimo sprint da sindaco, Farioli detta l’agenda

Come da tradizione Gigi Farioli per ferragosto tira le somme dell'azione amministrativa che, quest'anno, corrisponde anche all'agenda dell'ultima parte della sua decennale amministrazione

gigi farioli apertura

E’ ormai una tradizione quella per il Sindaco Gigi Farioli di sfruttare la calma che regna a Palazzo Gilardoni nel mese di agosto per tirare le somme del lavoro della sua amministrazione e raddrizzare il timone che guida la città. E anche in questo agosto, l’ultimo che lo vedrà come sindaco, la tradizione è stata rispettata. 

Sei pagine consegnate a tutti i consiglieri comunali, definite un instrumentum laboris, sono quelle che contengono “l’ultimo miglio di chi vuole assolvere fino alla fine il proprio dovere” dopo un decennio alla guida della città “senza farsi cogliere dal frenetico e scomposto attivismo che, nell’approssimarsi a un confronto elettorale, faccia perdere uno strategico progetto di insieme”.

Primo nodo da sciogliere: Accam. Farioli ricorda come sul tema “pesa la necessità di dare concreta fattibilità all’ambizioso obiettivo della società unica dalla raccolta allo smaltimento il cui destino appare tutt’altro che scontato” e che sopratutto il sito dove oggi sorge l’inceneritore “dovrà essere restituito e bonificato entro il 2025“.

Da mettere all’ordine del giorno anche la rivoluzione che accompagnerà la gara per la gestione della rete di distribuzione del gas e il lavoro della neonata realtà che dovrà occuparsi delle reti idriche della Provincia oltre al sempre attuale tema delle partecipazioni. “Un tema complesso, delicato -scrive il Sindaco- e poco adatto a valutazioni superficiali e dibattiti di facile visibilità” ma le cui novità avranno “evidenti e certe ricadute sulle scelte fiscali e sulle operazioni di investimento”. 

Ma in autunno arriveranno anche i nuovi dettagli sulla convenzione legata a Piazza Vittorio Emanuele che prevederà “un nuovo dettato convenzionale” con i costruttori dei palazzi nella zona in modo da portare “una riqualificazione dei poli culturali e l’ottimizzazione della zona a traffico limitato“. Da affrontare anche una rivoluzione nel welfare “che superi l’assistenzialismo cronico”, la promozione di “nuove iniziative di silver housing e silver welfare” dedicate agli anziani, la trasformazione del Calzaturificio Borri e la volontà di “dare seguito alle sperimentazioni e agli atti di indirizzo in relazione alle residenze di Alassio e Aprica”.

E prima di affrontare un autunno rovente sia per i temi che per le prime mosse della campagna elettorale Gigi Farioli si rivolge alle persone con cui ha condiviso l’avventura di sindaco: “Desidero ringraziare ogni singolo consigliere e tutte le forze politiche per l’azione di sostegno, critica stimolo e pungolo, con l’invito a non venirne mai meno”.

di marco.corso@varesenews.it
Pubblicato il 14 agosto 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.