Donna uccisa a Gallarate

L'omicidio questa notte attorno alle 2: la donna, 31 anni, viveva con il marito e due figli di 10 e 4 anni

Uccisa nel cuore della notte, in casa, al termine di un litigio con il marito. E’ accaduto questa notte, intorno alle 2 a Gallarate, in una palazzina di tre piani in via Adelaide Ristori. 

La donna uccisa si chiamava Marianna Gjrkay, e aveva 31 anni. Viveva con il marito, Gjin Preducaj, un muratore di 42 anni. La coppia di origine albanese viveva da tempo al secondo piano con figli minorenni, un bimbo di 3 e una ragazzina di 11 anni.

I carabinieri di Gallarate sono stati allertati da una parente che ha ricevuto una telefonata dall’uomo, in cui diceva di aver ucciso la moglie. palazzina omicidio

Quando i militari dell’Arma e i sanitari del 118 si sono presentati nell’appartamento di via Ristori, sulla strada che da Gallarate porta a Cassano Magnago, hanno trovato la donna ormai priva di vita, colpita al collo con una coltellata. Le figlie della coppia erano presenti in casa e sono state accompagnate da un vicino.

Sul posto sono arrivati gli uomini della scientifica per i rilievi mentre il marito è stato portato in caserma: avrebbe detto di non sapere perchè ha ucciso la moglie.

I vicini dicono di non aver sentito nulla, solo una persona dice di aver udito l’urlo di una donna provenire dall’appartamento del secondo piano dove viveva la coppia, poi più nulla.

La famiglia è conosciuta nella zona, l’uomo è arrivato in Italia da una decina d’anni con il fratello.

Il padrone di casa li conosce bene ed è incredulo: «L’ho anche fatto lavorare per un periodo, dopo che aveva perso il lavoro. Sono sempre stati educatissimi, sia lui che lei, anche i bambini. Li avevo visti anche ieri», dice. Stesse parole usate da altri vicini di casa: «Sono brave persone, sono qua da tanti anni. Abbiamo sentito discutere qualche volta ma tra parenti, mai tra loro. Lui lavorava sulle strade, anche nei cantieri della nuova autostrada».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 09 dicembre 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.