La comunità di famiglie ospita una mamma siriana e i suoi tre figli

L’accoglienza è stata possibile grazie al lavoro di una rete di famiglie del paese che si è attivata per trovare una casa per la famiglia di profughi

bambino
Foto varie

È arrivata ad Albizzate una famiglia di rifugiati siriani atterrata nella mattina di lunedì 30 gennaio a Fiumicino grazie al progetto dei “Corridoi umanitari”.

Si tratta di una mamma con i suoi tre figli, mentre un quarto è morto nella guerra in Siria e il marito è stato rapito e di lui si son perse le tracce.

Tutti e quattro negli ultimi anni hanno vissuto in un campo profughi in Libano ai limiti della dignità umana, sostenuti dai volontari di Operazione Colomba, il corpo di pace della Comunità Papa Giovanni XXIII.

Proprio una giovane volontaria, Paola, li ha accompagnati nel viaggio che dal Libano li porterà ad Albizzate. L’accoglienza è stata possibile grazie al lavoro di una rete di famiglie del paese che si è attivata per trovare una casa per la famiglia di profughi.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 30 gennaio 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Iome

    Mi sento di precisare, per correttezza, che l’accoglienza è fatta dall’intera Comunità Pastorale San Benedetto di Albizzate e Sumirago. Le famiglie che si stanno dando da fare arrivano da tutta la Comunità.
    Grazie mille di aver pubblicato questo articolo!
    Federica Bettonte

    1. Tomaso Bassani
      Scritto da Tomaso Bassani

      Grazie Federica. Oggi abbiamo dato solamente un lancio di questa notizia, Ci torneremo su per raccontare con maggiore cura questa bella storia di accoglienza